Via Crucis Colosseo, i testi affidati ai giovani

Via Crucis Colosseo – Papa Francesco ha affidato quest’anno la preparazione dei testi per il consueto appuntamento del Venerdì Santo a un gruppo di giovani studenti ed ex studenti del liceo classico romano Pilo Albertelli. 

A coordinarlo il professore Andrea Monda, scrittore, saggista e insegnante di religione nella scuola di via Daniele Manin, che, ai microfoni di Radiopiu, si è detto molto felice e soddisfatto di questa esperienza.

Monda e “lo sguardo fresco” dei ragazzi

via crucis colosseo, andrea monda
Andrea Monda

“Avevo pochissimi giorni – ha raccontato alla giornalista Francesca Baldini-  e ho fatto una selezione tra i ragazzi, alunni ed ex alunni, 15 ragazzi per 14 stazioni”. (Due ragazze hanno scelto di meditare insieme la seconda, “Gesù è caricato della Croce”).

Si tratta di giovani tra i 16 e i 26 anni. “Abbiamo letto insieme i testi della Passione”. E tra le riflessioni non potevano mancare i riferimenti alla realtà quotidiana: i migranti, la tecnologia, i telefonini. 

Ma ciò che è emerso con più forza è stato il loro “sguardo fresco” . Sguardo di giovani studenti di cui Monda ignora il loro percorso di fede e parrocchiale. Giovani “del mare alto” li ha così ancora definiti il professore su Avvenire. Non quelli delle parrocchie e dei movimenti ecclesiali, ma quelli della scuola statale dove ci sono “pesci” di tutti i tipi.

E sta proprio qui la vera novità, ha sottolineato il professore: le meditazioni della Via Crucis, affidate tradizionalmente a teologi, sacerdoti, vescovi e cardinali, sono state fatte dai giovani, proprio nell’anno del Sinodo a loro dedicato. 

 

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here