Veglia ecumenica diocesana, l’amore di Cristo per abbattere i muri

In occasione della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, si è celebrata ieri a San Ponziano la veglia ecumenica diocesana. A presiedere l’incontro il vescovo ausiliare monsignor Guerino di Tora il quale ha sottolineato la “la comunione unisce le confessioni cristiane e la volontà di abbattere i muri che dividono”.

Insieme a di Tora anche l’ortodosso romeno Siluan, il greco padre Simeone, il pastore luterano Jens Martin Kruse e il valdese Antonio Adamo che durante l’omelia ha fatto presente: “Abbiamo vissuto secoli di incomprensione. Se le tragedie più grandi del ‘900 si sono verificate è stato proprio per la passività delle chiese e la mancanza di relazione. Con l’amore del nostro essere chiese di Gesù Cristo possiamo abbattere muri come conflitti, disuguaglianza e povertà, che oggi creano divisioni“.

Adamo ha poi fatto riferimento a Lutero. “Desiderava che la Parola del Signore andasse posta al centro della riflessione del pensiero cristiano e dell’organizzazione della vita quotidiana della Chiesa. Quella Parola avrebbe dovuto purificarla, ma non siamo stati capaci di parlare a cuore aperto. Così si è interrotto il dialogo. Si è costruito un ostacolo e la mancanza di questa comunicazione ha causato la costruzione di un muro che ci ha fatto crescere parallelamente nei secoli, impedendo che i doni del Signore potessero arricchire la nostra identità”.

“Una candela accesa illumina le tenebre, crea calore, sicurezza e comunità”, ha spiegato poi Di Tora dopo che si sono simbolicamente accese le candele dalla fiamma del cero pasquale. “Simboleggia Cristo, luce del mondo. Come suoi ambasciatori porteremo questa candela nei luoghi oscuri dove la lotta, la discordia e la divisione impediscono la nostra comune testimonianza”.

 

Check Also

Nomina Seminario Romano

Diocesi di Roma: le nomine in Vicariato e al Seminario Romano

Diocesi di Roma. Il vicario generale dei Piccoli Fratelli di Jesus Caritas, fratel Gabriele Faraghini, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X