Universitari. “Nessuno a Roma è fuori sede”: il convegno sull’accoglienza

“Nessuno a Roma è fuori sede”

“Nessuno a Roma è fuori sede”. L’accoglienza dell’intelligenza a Roma.  È il convegno sull’accoglienza degli universitari a Roma che si svolgerà sabato prossimo, 21 ottobre, alla Residenza Universitaria De Lollis dalle ore 9.15 alle 13.

A promuovere l’incontro l’Ufficio Pastorale Universitaria della Diocesi di Roma, la Regione Lazio, e LazioDisu.

Monsignor Lorenzo Leuzzi

Il programma

Ad aprire il convegno monsignor Lorenzo Leuzzi, vescovo ausiliare di Roma e delegato per la Pastorale Universitaria. A seguire la relazione introduttiva “Investire nell’accoglienza”, del professor Federico Cinquepalmi, dirigente dell’ufficio per l’internazionalizzazione della formazione superiore.

Alle ore 10 si entra nel vivo del convegno con  L’accoglienza degli studenti fuori sede e stranieri. ACCOGLIERE A ROMAA moderare Simone Rebechini dell’Università La Sapienza. Intervengono: Massimiliano Smeriglio, vice presidente della Regione Lazio e assessore alla Formazione, Università, Scuola, Ricerca e Turismo; il dott. Carmelo Ursino, presidente Andisu, e Daniele Frongia, assessore allo Sport, Politiche Giovanili, Grandi Eventi di Roma; il professor Francesco Bonini, presidente CRUL e CRUP.

Dopo una breve pausa, si proseguirà con una tavola rotonda alle ore 11. Si discuterà de I SOGGETTI DELLACCOGLIENZA. Moderano Riccardo Zucchetti, studente dell’Università di Roma Tre e Alessandro Cinque, dottorando dell’Università di Roma Tor Vergata.  A intervenire Monsignor Claudio M. Celli, direttore di Villa Nazareth, Don Francesco Massagrande del Collegio Don Mazza, Francesco Flego, responsabile studenti e collegi della Luiss, Don Luigi Barracu, direttore del Collegio Don Bosco, Samuele Annibaldi, direttore Campus X Tor Vergata, Maria Grafia Melfi, direttrice Residenza Rui. E ancora don Fabio Iodice, direttore del Centro culturale Internazionale Giovanni XXIII, Grazia Bianco, direttrice  del Centro Internazionale degli universitari e Paolo Moroni, coordinatore Residenze universitarie Laziodisu, Christian Bonafede, direttore Camplus, Giuseppe Sessa di LUMSA Servizio Alloggi e Antonio Lodise,  studente della “Sapienza” Università di Roma.

A conclusione, alle ore 12,30, un intervento di monsignor Lorenzo Leuzzi. Alle ore 13, il pranzo alla mensa universitaria in Via C. De Lollis, 2.

La voce degli studenti

Ma quali sono le esigenze degli studenti fuori sede? Lo abbiamo chiesto a Simone Rebichini, membro del direttivo dell’associazione “Sapienza e Movimento”, che supporta la vita degli studenti dell’Università La Sapienza, più grande polo universitario non solo d’Italia ma anche d’Europa.

Ogni giorno sono migliaia le richieste, di ogni tipo, che arrivano all’associazione composta da altri studenti universitari. Ma ascolta cosa ha raccontato ai nostri microfoni Simone.

L’associazione Sapienza e Movimento

Sapienza in Movimento è un’associazione nata nel 2001 da un gruppo di studenti universitari, con il comune obiettivo di condividere idee ed esperienze nuove. Propone un nuovo modo di vivere l’università, come opportunità per gli studenti di esprimere i propri interessi, bisogni ed ideali, partecipando attivamente alle scelte del nostro ateneo.

Numerose sono state le iniziative realizzate nel corso degli anni: giornali on-line, gruppi teatrali, scuole di fotografia, villaggi sportivi, feste di facoltà, seminari, convegni e tanti altri eventi culturali e ricreativi. Inoltre Sapienza in Movimento dà spazio a partecipazione attiva e dinamica, condivisione di idee, creatività, esperienze comuni, organizzazione di progetti ed iniziative, con l’obiettivo di far parte di un gruppo che vive insieme la facoltà e l’università.

 

 

 

 

Check Also

Capodanno 2018, a Roma una festa lunga un giorno

Capodanno 2018, la Festa di Roma Sarà una festa lunga un giorno quella attesa a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X