Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Show attuale

Background

Tradire un amico

Scritto da il 16 Aprile 2020

Tradire un amico è purtroppo qualcosa di attuale che ha precedenti anche nelle Sacre Scritture, a partire dalla Genesi

Mi sono accorta che anche nel libro della Genesi si parla di qualcosa di attuale, cioè degli amici o addirittura dei fratelli che sparlare alle spalle. A volte si può scoprire che è stato fatto e questo fa tanto soffrire.

tradire un amico 2Nel libro della Genesi si racconta la storia di Giuseppe, che v’invito a leggere. È una storia avvincente, bellissima. In questo punto di Genesi 41 e 42 c’è proprio il momento in cui i fratelli, invidiosi di Giuseppe, lo vendono ai mandriani. E lui finisce in Egitto dove diventa il braccio destro del Faraone, quindi un personaggio importante. Questi fratelli cominciano a vivere nella carestia, arrivata nel loro paese e in quelli vicini. Vanno quindi in Egitto e si recano da Giuseppe, non sapendo che si tratti proprio di lui, del loro fratello. Vanno lì chiedendo grano.

Giuseppe era un uomo molto saggio e aveva creato dei depositi  proprio pensando alle eventuali carestie future. Quando arrivano, non lo riconoscono. Ma lui sì. Pensate … riconoscere i fratelli che ti hanno venduto. Allora escogita un modo per farli rientrare in se stessi. Dice loro di andare a casa, nel loro paese e  riportare il fratello minore, che è proprio Giuseppe. Loro si spaventano e si rendono conto che non dovevano fare quello che avevano fatto. Così cominciano a parlare tra loro nella lingua nativa, che è anche quella di Giuseppe che quindi li capisce. La Genesi dice: “Allora egli andò in disparte e pianse”.

Pensate sentire i propri fratelli ammettere di averlo venduto e parlare tra loro per capire come fare a uscire da questa situazione. Immaginate quanto dolore può avergli dato, così come quanto dolore darebbe a noi scoprire che i nostri fratelli, le nostre sorelle, sia di sangue, sia di comunità, sia di  amicizia, hanno fatto qualcosa contro di noi. Quanto soffriamo e quanto stiamo male. Vedremo però poi che Giuseppe li abbraccerà e li perdonerà.

Oggi il Signore ci invita a fare questo: ad abbracciare, almeno nel nostro cuore se non riusciamo con le nostre braccia, le persone che ci hanno fatto del male. Non è una cosa semplice, né la possiamo fare da soli. È una cosa che può fare soltanto Gesù dentro di noi; quindi se già iniziamo a chiedergliela siamo verso il cammino per una pacificazione interiore. Se lo vogliamo, il Signore ci aiuterà a trovare questa pace.

Ascolta la puntata odierna “Tradire un amico” della serie “Diario di bordo” a cura di Simona Panico


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



REPLACE_WITH_VARVY_SCRIPT