SPID, anche Roma Capitale dice sì al sistema di identità digitale

Roma Capitale aderisce a SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale che rende più facile l’uso dei servizi online del Comune. SPID consente, infatti, a ogni cittadino di accedere ai servizi dell’intera pubblica amministrazione – Campidoglio compreso – con credenziali (nome utente e password) uniche. “Una porta universale, semplice, sicura e veloce – si legge sul sito del Comune di Roma- che si può aprire da computer, tablet e smartphone”.  Obiettivo del Sistema per la gestione dell’Identità digitale è quello infatti di semplificare la comunicazione tra il cittadino e gli enti pubblici o le aziende private attraverso il Pin Unic.

La delibera, approvata dalla Giunta capitolina, autorizza la firma della convenzione tra Campidoglio e AGID (Agenzia per l’Italia Digitale). Ed è con questa delibera, fa sapere l’assessore Flavia Marzano (Roma Semplice) che si avvia il percorso per l’adesione di Roma Capitale a SPID “con un anno di anticipo rispetto alla scadenza fissata per dicembre 2017”.

A giugno, SPID è stato adottato anche dalla Sapienza, prima università italiana ad aver consentito l’acceso a Infostud con il nuovo sistema di login per 110.000 studenti.

Check Also

Metro C, prorogata fino a dicembre la chiusura anticipata

Chiusura anticipata metro C ancora per due mesi La chiusura anticipata della Metro C alle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X