Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Radiopiù Notizie

11:30 11:33

Show attuale

Radiopiù Notizie

11:30 11:33

Background

Speranza e morte protagoniste dell’ultimo libro del cardinale Ruini

Scritto da il 21 Ottobre 2016

“Un libro inquietante nel titolo e rasserenante nel sottotitolo”. Esordisce con queste parole il rettore della Pontificia Università Lateranense, mons Enrico dal Covolo, nell’introdurre la presentazione dell’ultima fatica letteraria del card. Camillo Ruini, “C’è un dopo? La morte e la speranza”, edito da Mondadori e presentato ieri presso l’ateneo romano.“Lei è un attendibile testimone della speranza e ci auguriamo che ognuno di noi possa trovare testimoni cosi”, ha affermato il rettore della Pul, aprendo l’incontro.

Incontro svoltosi in una sala gremita che ha accolto, con un lungo applauso, l’arrivo dell’ex presidente della Conferenza Episcopale Italiana. Molte presenze del mondo ecclesiastico romano, autorità politiche e militari, ma anche molti studenti e gente comune, accorsa per ascoltare il cardinale emerito della diocesi di Roma.

Accanto a lui il cardinale Carlo Caffarra, arcivescovo emerito della diocesi di Bologna e lo psichiatra Vittorino Andreoli, che ha fornito il suo contributo sulla tematica affrontata dal libro, da non credente.

libro-ruini

“Questo libro è un libro che prende sul serio la speranza cristiana”. Ha affermato il card Caffarra, all’inizio della sua relazione. “L’interrogarsi nel dopo morte è all’interno della questione sull’immortalità” -, ha proseguito il porporato – “la speranza ha la capacità di guarirci dalla vertigine del vuoto assoluto col quale il dopo-morte si presenta”. Nel suo discorso il card Caffarra più volte ha fatto riferimento alle numerose citazioni bibliche presenti nei tredici capitoli in cui è suddiviso il libro. “La testimonianza cristiana sul dopo-morte ha una dimensione oggettiva e una soggettiva” -, ha proseguito il cardinale – “in essa ci deve essere contenuto e convinzione, altrimenti una testimonianza senza convinzione è una menzogna e senza contenuto è fanatismo. Per questo credo che il testimone sia un uomo liberamente vero”. Ed infine per i porporato l’unica via per assaggiare l’antipasto al banchetto eterno, è attraverso la liturgia, però “troppo spesso maltrattata”.

Poi la parola è passata al prof. Vittorino Andreoli che ha dato il suo apporto alla presentazione come rappresentante dei non credenti o meglio di “chi crede di non aver avuto una esperienza diretta con Dio”. Questo libro “è incentrato sulla speranza della resurrezione” -, affermato lo psichiatra veronese- “ma la lettura di questo libro per un non credente è consigliabile ma dolorosissima, perché ci fa percorrere tutto il tragitto che compie la speranza cristiana”. Ed ha aggiunto Andreoli “il punto è che la morte non fa paura se speri, è la disperazione che diventa morte, ma per un credente la vera speranza è la speranza di incontrare Dio”. Andreoli ha poi affrontato la struttura del testo diviso in due parti e dove i primi quattro capitoli parlano di quello che la scienza ha fatto, come il cosmo è nato, come è nata la vita e come è la nata la coscienza. Tre temi che vengono riassunti perfettamente, secondo lo studioso veronese, e in cui emerge come “i risultati che la scienza ha dato sembrano credibili e non incompatibile con un racconto differente alla creazione che esiste nei testi rivelati”. Infine conclude ricordando che l’opera ha avuto il “coraggio di aver parlato di un tema che da un po’ non veniva affrontato, ovvero che il giudizio sarà anche per i non credenti, perché” -, lo dice sorridendo rivolto ai sacerdoti – “voi dovete occuparvi anche dei non credenti”. E conclude affermando come questa speranza per chi è alla ricerca si evince nell’ultimo capitolo.

E prima di lasciare le conclusioni al card Ruini, la moderatrice dell’incontro, la dott.ssa Elisbetta Tiliacos, ha letto il lungo e toccante messaggio inviato da Letizia Moratti, assente per motivi di salute. Nel messaggio l’ex sindaco di Milano si sofferma su come “la speranza cristiana liberi interiormente” e di come siano numerosi gli spunti e stimoli forniti dal volume. Inoltre, riportando una esperienza personale come quella della comunità di recupero per ex tossicodipendenti San Patrignano. Cita il terzo capitolo del libro, che affronta il tema del desiderio di vivere per sempre, e riporta l’esperienza proprio di quei giovani che non avevano paura di morire, bensì di vivere e per questo si rifugiavano nella droga.

“Ritengo questo libro un libro semplice ed intellettualmente onesto”. Lo ha definito così “C’è un dopo? La morte e la speranza” il card, Ruini, che ha preso la parola al termine della presentazione. Il porporato ha descritto come nasce la stesura del testo e quali sono stati i principali riferimenti di studiosi a cui si è ispirato, ovvero teologici come il papa emerito Benedetto XVI e il bresciano Giacomo Canobbio. Un libro che nasce, come confessa, da “quel desiderio di dedicarsi alla teologia considerato che negli anni di episcopato non ho avuto modo per dedicarmene come volevo”, – ma soprattutto -, “per aiutare a prendere sul serio la speranza cristiana, considerato che per molti l’attesa della vita futura è ormai fuori dall’orizzonte e penso che il confronto con le scienze può fare solo bene se non si vuole manipolarle o ideologizzarle”.

E nel rispondere agli input forniti dagli altri due relatori si sofferma maggiormente nel fornire una risposta al prof. Andreoli, affermando che la “salvezza è di tutti, è un mistero che si decide sulla carità vissuta, perché il cuore del giudizio cristiano è la carità”.

E conclude “è difficile dare un senso alla morte, senza dare un senso al dopo. Per questo la resurrezione di Cristo è la pietra angolare sulla quale ciascuno di noi può costruire la propria vita”.

Il saluto conclusivo è stato affidato al card vicario Agostino Vallini, che ha ringraziato con affetto il suo predecessore e scherzosamente lanciato una domanda di sfida al prof. Andreoli, chiedendogli se fosse sicuro di non essere realmente non credente!

Taggato come

Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Per motivi di perfomance, utilizziamo Cloudflare come rete CDN. Questo salva un cookie "__cfduid" per applicare le impostazioni di sicurezza per ogni client. Questo cookie è strettamente necessario per le funzionalità di sicurezza di Cloudflare e non può essere disattivato.
  • __cfduid

Utilizziamo Quform Plugin per tutti i moduli di contatto sul nostro sito web. Questo memorizza un token di sicurezza.
  • quform

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
REPLACE_WITH_VARVY_SCRIPT