Sinodo, un convegno al Palazzo della Cancelleria

In vista del prossimo Sinodo di ottobre, la Penitenzieria Apostolica ha organizzato per i prossimi 26 e 27 aprile, presso il Palazzo della Cancelleria, un convegno pastorale dal titolo “Confessione, giovani, fede e discernimento vocazionale”.

L’obiettivo è quello, fanno sapere gli organizzatori, di “fornire il proprio contributo alla riflessione ecclesiale” al Sinodo dei giovani, “richiamando il ruolo centrale del sacramento della Riconciliazione nello sviluppo della fede e nel discernimento spirituale dei giovani cristiani”.

“Confessione, giovani, fede, e discernimento vocazionale”

La Chiesa “come Madre e Maestra”, si legge ancora in una nota, “è chiamata ad accompagnare i giovani nel loro cammino esistenziale affinché, attraverso un processo di discernimento, possano scoprire il loro progetto di vita aprendosi all’incontro con Dio e il prossimo”.

Diversi, dunque, gli interventi, che apriranno la strada al grande appuntamento di ottobre.  A tenere la prolusione, il 26 aprile, alle ore 10.15, il cardinale Mauro Piacenza, penitenziere maggiore. Seguiranno gli interventi di Salvatore Martinez, presidente di Rinnovamento nello Spirito, e di Chiara Amirante, della Comunità Nuovi Orizzonti.

Sarà poi la volta di don Flavio Placidia, della Pontificia Università Urbaniana, e padre Joseph Carola, della Pontificia Università Gregoriana. Non mancheranno le testimonianze: a raccontare la propria esperienza l’attrice Claudia Koll e il sacerdote don Sergio Billi.

I lavori proseguiranno il 27 aprile. In programma le relazioni di don Luca Ferrari, del gruppo “Giovani e Riconciliazione”, e di padre Antonio Maria Sicari, del Movimento Ecclesiale Carmelitano. Prenderanno poi la parola fratel Alceo Grazioli, della Pontificia Università Antonianum, e suor Gloria Riva, delle monache dell’Adorazione Eucaristica. Le conclusioni saranno affidate al reggente della Penitenzieria Apostolica, monsignor Krzystof Nykiel.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here