caterina-da-siena

Al Seraphicum sui passi di Caterina da Siena

Domenica 20 novembre, la piece “Impetus in anima”, liberamente ispirata al lavoro di Rosa Stipo e Adriana del Giudice,”Caterina. A piedi nudi nel vento”, va in scena a Roma al Cinema Teatro Seraphicum (via del Serafico, 1 – ore 18,30) con l’adattamento e la regia di Loredana Errico e Patrizia Salvatori, dell’Associazione teatrale “inScena”.

Lo spettacolo, che unisce narrazione, musica e danza, è stato già rappresentato una prima volta lo scorso 17 ottobre al Teatro Brancaccio di Roma per l’incontro di inizio anno delle matricole organizzato da mons. Lorenzo Leuzzi, Vescovo ausiliare di Roma delegato per la pastorale universitaria, alla presenza del Vicario generale del Santo Padre per la diocesi di Roma, Cardinale Agostino Vallini.

Nel 2010 Rosa Stipo e Adriana Del Giudice, co-fondatrici dell’Associazione “Mondi Vicini”, pensarono ad un’opera che riproponesse, soprattutto per i più giovani, la figura di santa Caterina da Siena, la giovane mistica che con le sue appassionate missive richiamò sovrani e principi cristiani d’Europa alle loro alte responsabilità e contribuì al ritorno del Pontefice da Avignone a Roma. Nacque così “Caterina…a piedi nudi nel vento”, dalle suggestioni narrative di Rosa Stipo (autrice di testi teatrali) e dalle musiche di Adriana Del Giudice (compositrice).

A Rosa Stipo, scomparsa nel 2014, è dedicato l’omaggio della soprano Raffaella Pelella che aprirà la serata con l’amichevole partecipazione di quattro artisti del Teatro dell’Opera: Fabio Fagioli al violoncello, Paolo Coluzzi Primo Violino, Giulio Arrigo Secondo violino, Francesco Agostini alla viola. Gli artisti eseguiranno l’Ave Maria di Mascagni.

Come già negli obiettivi dell’Associazione “Mondi vicini”, la rappresentazione teatrale “Impetus in anima” (durata 60 minuti) mira a valorizzare giovani talenti e per questa occasione ha scelto gli interpreti della Compagnia dei giovani artisti del Teatro dei 99 de L’Aquila, di Loredana Errico, con la collaborazione di Patrizia Savatori dell’Associazione “inScena”.

Accanto all’attrice protagonista Caterina, una ballerina e la cantante lirica rappresenteranno il mondo interiore della giovane santa e le varie figure con le quali si troverà ad interagire. Un narratore, l’attore Edoardo Siravo, tiene con sapienza il filo rosso della storia che vuole accostare la vicenda di Caterina, giovane del ‘300, alle inquietudini e agli slanci dei giovani del nostro tempo.

L’attenzione al mondo dei giovani attraverso il linguaggio artistico è sottolineata dalla partecipazione al progetto del Centro Internazionale di Studi Cateriniani e dell’Associazione Luigia Tincani, nata per sostenere l’Università Lumsa nel suo impegno formativo-culturale.

Info:
https://www.facebook.com/mondivicini
www.inscena.org

(da www.zenit.org)

Check Also

Università Europea di Roma: “Con i vostri occhi, con le nostre mani” in mostra

Università Europea di Roma. “Con i vostri occhi, con le nostre mani”. È l’esposizione, con ingresso …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X