Scatta in Parrocchia, Aldo Feroce racconta Corviale

“Corviale è una borgata come tante altre, ma il suo nome è abbastanza gonfio per via di un palazzo grande (il cosiddetto Serpentone ndr). Bisognerebbe togliersi i panni del pregiudizio, poter entrare dentro e guardare la gente negli occhi e lì troveremmo tanto bel colore, energia, persone che hanno bisogno di poter aver un presente e un futuro migliore”. Sono le parole del fotografo Aldo Feroce, uno dei vincitori della prima edizione di Scatta In Parrocchia.

aldo foto interna 2 300x225 - Scatta in Parrocchia, Corviale è una foto a colori. Intervista ad Aldo Feroce
La foto di Aldo Feroce negli studi di Radiopiù

Proprio pochi giorni dopo averlo incontrato, Nicola Zingaretti, insieme alla dirigenza dell’Ater e all’Università Roma Tre, ha presentato l’avvio del progetto di ristrutturazione del quartiere. “Corviale cambia” ha annunciato il presidente della Regione Lazio. “Dopo anni di attesa, il più grande piano di rigenerazione urbana per migliorare la vita delle persone: 103 nuovi appartamenti nel quarto piano e oltre 10 milioni di euro per la riqualificazione di tutto il quartiere. Nelle periferie bisogna starci con i fatti per migliorare la vita delle persone.

E anche Aldo è uno “che ci sta”. “È il mio quartiere – racconta – mi piace conoscere le persone e inizialmente dietro il timore di puntare un obiettivo verso la gente oggi sono loro che mi chiamano e mi riconoscono e c’è un rapporto di fiducia. Se faccio una foto a loro non è per strumentalizzarli ma per regalare loro, attraverso la fotografia, un qualcosa di migliore. Voglio documentare il quartiere per poterlo migliorare”.

La Chiesa in uscita

La foto vincitrice è stata scattata lo scorso autunno nella piazzetta del Piacca, un’associazione con ragazzi in difficoltà socialmente, agli arresti domiciliari, che svolgono mansioni di ogni genere, ristrutturazioni di mobili, traslochi. Praticamente “tutto ciò che può essere utile al fabbisogno quotidiano e imparare un mestiere” racconta Aldo, spesso coinvolto nel documentare, con la macchina fotografica, alcuni importanti momenti e attività.

Nell’immagine “che non va tenuta in un cassetto”, ma mostrata, un momento di Chiesa in uscita: un aiuto spirituale, su iniziativa di don Roberto Cassano, parroco della vicina parrocchia di San Paolo della Croce, a chi non può recarsi in chiesa.

aldo foto interna 1 300x225 - Scatta in Parrocchia, Corviale è una foto a colori. Intervista ad Aldo Feroce
I premi: una pergamena e un buono regalo fotografico del valore di 50 euro

All’ombra del Serpentone ci sono divani, tavoli, mobili, piatti, vecchie macchine da scrivere, tappeti. Le tinte di giallo, di rosso, di bianco stridono con il grigio palazzo, che sembra privo di vita. Ma all’interno ci sono milioni di anime. E altrettanti colori, assicura Aldo. Corviale, dunque, non è una foto in bianco e nero.

Aldo Feroce: “Abbiamo bisogno di realtà”

Aldo ha documentato altri importanti eventi della parrocchia: dalla Via Crucis con i figuranti alla visita pastorale di Papa Francesco.

“È stata un’emozione forte. La parrocchia è più energica rispetto agli anni precedenti. Mi auguro che questo inizio di percorso possa andare avanti. Abbiamo bisogno di realtà sul territorio e la parrocchia è una realtà”.

Ascolta l’intervista: