Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Non stop Music

22:20 23:59

Show attuale

Non stop Music

22:20 23:59

Background

Scala Santa, riapertura fino al 9 giugno

Scritto da il 9 Aprile 2019

Scala Santa: giovedì la riapertura

La Scala Santa del Pontificio Santuario a piazza San Giovanni in Laterano riapre per 60 giorni al pubblico e per la prima volta, dopo 3 secoli, priva della protezione lignea voluta da scala santa, www.radiopiue.upapa Innocenzo XIII. Dopo un anno di lavori di restauro del complesso degli affreschi, si potrà visitare a partire da giovedì prossimo e fino a domenica 9 giugno, solennità di Pentecoste.

L’11 aprile alla conferenza sui restauri effettuati (ore 15.30) seguirà, alle ore 16.30, la benedizione del cardinale vicario, Angelo De Donatis, e alle ore 17.30 la celebrazione della Santa Messa.

Scala Santa: perché si chiama così?

La Scala Santa è custodita nel santuario omonimo costruito da Domenico Fontana, per volere di papa Sisto V nel 1589, in piazza San Giovanni in Laterano a Roma.

Lì si trova la cappella dei Papi detta Sancta Sanctorum dove si venera l’immagine del SS. Salvatore detta anche Acheropìta (non dipinta da mano d’uomo): il Salvatore, impresso sul legno, con la mano destra benedice e con la sinistra tiene il Vangelo.

Secondo una tradizione di origine medievale fu la madre di Costantino, sant’Elena imperatrice, a far trasportare a Roma, nel 326, la Scala salita da Gesù per raggiungere l’aula dove ha subito l’interrogatorio di Ponzio Pilato prima della condanna a morte e crocifissione. Per questo fu chiamata Scala Pilati o Scala Sancta.

scala santa, www.radiopiu.euCostituita da 28 gradini di marmo bianco, rivestiti da una protezione di legno, che si salgono in ginocchio, e affiancata da altre quattro rampe di scale, due alla sua destra e due alla sua sinistra, era situata nel Patriarchium, o complesso dei Palazzi Lateranensi, antica sede dei Papi.

Sisto V  la fece collocare davanti alla cappella papale dove poi è rimasta formando l’attuale unico edificio. Pio IX (1846 – 1878) ne curò i restauri e ne promosse il culto facendo costruire l’attiguo convento che affidò ai Padri Passionisti.

Scala Santa: curiosità

  • Nessun piede umano ha mai toccato i gradini della Scala Santa (solo quelli di Gesù). Furono collocati cominciando dall’alto, perché non fossero calpestati, ma toccati solamente dalle ginocchia dei fedeli.
  • I gradini sono di marmo “proconnesio”, originario dell’omonima isola vicino Istanbul e molto usato in tutto l’Impero romano.
  • Pio IX salì più volte la Scala Santa in ginocchio fino al 19 settembre 1870, vigilia della presa di Roma e della sua volontaria reclusione in Vaticano.
  •  Secondo la tradizione sulla Scala ci sono 4 macchie del sangue di Gesù: 3 sono coperte da croci, 2 di bronzo e una di porfido rosso. Sulla quarta, protetta da una grata, c’è un foro, creatosi nei secoli: sotto il legno sono stati trovati migliaia di biglietti con richieste di grazia, infilati dai fedeli.
  • Affrescato con le storie di San Lorenzo, della Madonna e dei santi è il santuario più venerato di Roma secondo gli storici del medioevo.
  • Il Santuario è compreso fra i beni della Sante Sede e, secondo i Patti Lateranensi del 1929, gode pieno diritto di extraterritorialità.
  • Da 2015, il santuario è divenuto sede ufficiale della Curia provinciale della Provincia unitaria dei Passionisti d’Italia, Francia e Portogallo, intitolata a Maria Presentata al Tempio, dopo essere stata sede della Curia della sola provincia passionista della Presentazione, del Lazio e della Toscana.

Scala Santa: l’indulgenza plenaria

La Penitenzieria Apostolica concede l’indulgenza plenaria ogni giorno “ai fedeli pentiti che spinti dall’amore salgono in ginocchio la Scala Santa meditando la Passione di Gesù e recitano il Credo, un Pater, Ave, Gloria ed una preghiera secondo l’intenzione del Papa, si confessano e ricevono la Comunione eucaristica”.
Le persone impedite fisicamente a salire la Scala santa ricevono “la medesima indulgenza plenaria meditando la Passione di Gesù presso la Scala stessa, recitando il Credo e cinque Pater, Ave, Gloria ed una preghiera secondo l’intenzione del Papa, si confessano e ricevono la Comunione eucaristica. L’indulgenza è applicabile per i defunti”.

 


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Per motivi di perfomance, utilizziamo Cloudflare come rete CDN. Questo salva un cookie "__cfduid" per applicare le impostazioni di sicurezza per ogni client. Questo cookie è strettamente necessario per le funzionalità di sicurezza di Cloudflare e non può essere disattivato.
  • __cfduid

Utilizziamo Quform Plugin per tutti i moduli di contatto sul nostro sito web. Questo memorizza un token di sicurezza.
  • quform

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
REPLACE_WITH_VARVY_SCRIPT