Santo Spirito in Sassia, Zingaretti: polo museale donato alla città

0
269

Al via nel 2016 i lavori per il restauro del complesso di Santo Spirito in Sassia, a pochi passi dal Vaticano. Il presidente della Regione, Nicola Zingaretti ha presentato ieri insieme al direttore generale della ASL RmE, Angelo Tanese, il progetto e l’avvio del cantiere del Polo Museale.

“Si donerà a Roma, alla città e al mondo un nuovo polo culturale di straordinaria bellezza e rilevanza ma soprattutto si chiude in positivo questa brutta storia”. Questo è  quanto ha dicharato Zingaretti, sottolineando che “oggi sfatiamo il mito, anche una brutta tradizione del nostro paese, che ci sono beni pubblici rispetto alla quale non è garantita la fruizione. Il bene pubblico è tale se oltre alla proprietà pubblica è garantita una condivisione pubblica” .

 Dieci anni di attese, di battaglie amministrative e burocratiche e di  ricorsi. “Le risorse erano ferme e non potevano essere utilizzate. Si parla di circa 4 milioni di euro che erano in bilancio – ha spiegato  Zingaretti -, non si era riusciti fino ad ora a dare il via ai lavori che ora, invece si sbloccano. Parliamo di opere di straordinario e inestimabile valore e  vista l’importanza dell’ospedale Santo Spirito si parla di un pezzo della cultura di Roma, perché da centinaia di anni questo luogo è tutt’uno con la storia delle famiglie della Capitale. Purtroppo era abbandonato -ha aggiunto il presidente della Regione Lazio– o in parte che richiedeva dei restauri e si chiude con questo avvio un’altra bella storia di una buona amministrazione che si impegna e vuole cambiare le cose”.