Santissima Trinità per celebrare l’Amore

“È una festa per celebrare con stupore sempre nuovo Dio-Amore, che ci offre gratuitamente la sua vita e ci chiede di diffonderla nel mondo”. Lo ha detto ieri Papa Francesco, durante l’Angelus in piazza San Pietro, a proposito della Santissima Trinità.

Egli, ha sottolineato il Santo Padre, “è Dio lassù nei cieli ma anche quaggiù sulla terra Pertanto, noi non crediamo in una entità lontana. Ma, al contrario, nell’Amore che ha creato l’universo e ha generato un popolo, si è fatto carne, è morto e risorto per noi, e come Papa Francesco 150x150 - Santissima Trinità: Papa, una festa per celebrare con stupore sempre nuovo Dio-AmoreSpirito Santo tutto trasforma e porta a pienezza”.

Dunque, la festa della Santissima Trinità, ha proseguito il Pontefice “ci fa contemplare il mistero di Dio che incessantemente crea, redime e santifica, sempre con amore e per amore, e ad ogni creatura che lo accoglie dona di riflettere un raggio della sua bellezza, bontà e verità”.

I Venerdì della Misericordia, Francesco in una scuola di periferia

Il cristiano non è una persona isolata, appartiene ad un popolo: questo popolo che forma Dio. Non si può essere cristiano senza tale appartenenza e comunione. Noi siamo popolo: il popolo di Dio”. Questo ancora il messaggio lanciato da Francesco in occasione della festa della Santissima Trinità.

Messaggio fatto proprio dallo stesso Pontefice che, ancora una volta, lo scorso 25 maggio, ha voluto creare comunione recandosi in visita a sorpresa, nell’ambito dei Venerdì della Misericordiain una scuola alla periferia di Roma, l’Istituto Comprensivo “Elisa Scala“.

Accompagnato come di consueto da monsignor Rino Fisichella, Presidente del Pontificio Consiglio per la Nuova Evangelizzazione, il Papa è stato accolto dalla Dirigente Scolastica, la professoressa Claudia Gentili, e da centinaia di ragazzi e ragazze della scuola dedicata alla piccola Elisa, studentessa di prima media, venuta a mancare tragicamente per una leucemia fulminante all’età di 11 anni.

In sua memoria, all’interno dell’istituto, i genitori della bambina hanno lanciato prima il progetto “Biblioteca di Elisa”, uno spazio da “riempire di libri” poi l’iniziativa “Dona un libro per Elisa”, rivolta a chiunque volesse contribuire con una piccola donazione di libri alla Biblioteca di Elisa. I testi raccolti finora sono stati migliaia, da tutto il mondo e in diverse lingue, e tutti con una dedica ad Elisa. E da venerdì nella biblioteca anche alcuni volumi donati dal Santo Padre.