Sant’Ignazio a Roma, si apre il Giubileo Aloisiano

Si apre oggi, a 450 anni dalla nascita di San Luigi Gonzaga, il Giubileo Aloisiano. La chiesa di Sant’Ignazio a Roma, dove riposano le spoglie del santo, e tutte le chiese del mondo dedicate a San Luigi saranno Chiese Giubilari fino a marzo 2019. A stabilirlo, lo scorso gennaio con un decreto, la Penitenzieria Apostolica.

I fedeli, dunque, potranno ottenere l’indulgenza plenaria alle condizioni abituali: confessione sacramentale entro gli otto giorni, comunione eucaristica, preghiera per le intenzioni del Papa.

Gli eventi in programma

A inaugurare questa mattina a Roma il Giubileo Aloisiano l’incontro-dibattito sul tema: “Primato del Servizio sulla cultura dello scarto. Attualità di S. Luigi Gonzaga”, con don Luigi Ciotti, fondatore del Gruppo Abele e dell’Associazione Libera e i ragazzi delle scuole del centro.

Alle 18.30 ci sarà, poi, nella chiesa di Sant’Ignazio a Roma, la solenne messa presieduta da padre Arturo Sosa, superiore santignazio a roma 261x300 - Sant'Ignazio a Roma, al via il Giubileo Aloisianogenerale dei Gesuiti. Alle 20.30, monsignor Gianrico Ruzza, ausiliare per il settore Centro della diocesi di Roma, presiederà la veglia di preghiera “Il segreto di S. Luigi, L’unione con Dio”.

Diversi, poi, gli eventi in programma nel corso dell’anno che vedranno protagonisti tra gli altri padre Marco Rupnik, Enzo Bianchi e mosignor Frisina.

San Luigi Gonzaga, patrono dei giovani

Morto a soli 23 anni il 21 giguno 1591, San Luigi Gonzaga è sepolto alla Chiesa di Sant’Ignazio a Roma. È santo patrono della gioventù cattolica su volere di papa Pio XI. Paolo VI disse di lui nel marzo 1968: “Luigi concepì la sua esistenza come un dono da spendere per gli altri”. “Il Padre misericordioso ha concesso a Luigi d’immolare la sua giovinezza in un servizio eroico di carità fraterna”, queste invece le parole pronunciate da Giovanni Paolo II nel giugno 1991.