Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Radiopiù Notizie

16:00 16:03

Show attuale

Radiopiù Notizie

16:00 16:03

Background

Santa Croce in Gerusalemme, Monsignor Libanori ricorda don Santoro: “In lui scorre la vita”

Scritto da il 6 Febbraio 2018

Santa Croce in Gerusalemme, la Messa in ricordo di don Santoro

“La Parola del Vangelo è quella che cambia la vita”. Ha esordito così monsignor Daniele Libanori nell’omelia della Messa celebrata ieri nella Basilica di Santa Croce in Gerusalemme nel dodicesimo anniversario della morte di don Andrea Santoro.

“È quella che dà la capacità a coloro che la prendono sul serio di mettere in gioco la vita. Per questo è così importante ascoltare la Parola, nutrirsene, lasciare che essa scenda nella profondità nel cuore” e che “metta radici per poi dare quei frutti di vita eterna”. 

“Voi siete qui stasera”, ha detto poi rivolgendosi ai fedeli presenti “perché intuite che in don Andrea scorre la vita. Siete qui per attingere vita, non semplicemente per farne una memoria mesta”. 

La Parola e il bisogno di toccare

“Si tocca il Signore quando si prova a vivere la Parola nella sua immediatezza, senza sconti”. Questo il messaggio di monsignor Libanori a quanti accorsi a Santa Croce in Gerusalemme. “Quando – ha aggiunto – si riconosce nella vita quotidiana nella malattia, nel bisogno, nella morte e, come nel caso di don Andrea nel martirio, il farsi della Parola. È un tocco che restituisce la vista e ridesta la speranza. Ogni volta che si sperimenta il limite nasce un’attesa di guarigione, di miracolo”. 

“La gente pregava Gesù di potergli toccare almeno la frangia del mantello”, si legge nel Vangelo di Marco di ieri. “Toccare è l’esperienza più certa perché non lascia spazio all’illusione. Toccare è istintivo”, ha precisato ancora Libanori. “È il modo più immediato per esprimere i sentimenti, quanto di amicizia che di ostilità. Il toccare Gesù e il toccare di Gesù è guarire. Toccare fa sentire il calore della vita che scorre nell’altro”.

Dunque, Dio tocca ognuno nella sua storia e guarisce coloro che sanno riconoscerlo. Un tocco “riconoscibile ogni volta che la Croce pesa sulle spalle e ferisce” perché “non c’è liberazione che non passi attraverso il tocco del mistero pasquale.  

 


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Per motivi di perfomance, utilizziamo Cloudflare come rete CDN. Questo salva un cookie "__cfduid" per applicare le impostazioni di sicurezza per ogni client. Questo cookie è strettamente necessario per le funzionalità di sicurezza di Cloudflare e non può essere disattivato.
  • __cfduid

Utilizziamo Quform Plugin per tutti i moduli di contatto sul nostro sito web. Questo memorizza un token di sicurezza.
  • quform

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
REPLACE_WITH_VARVY_SCRIPT