22 ottobre, celebrazione di San Giovanni Paolo II a Santa Maria del Popolo

0
71

Sono passati 37 anni da quando, quella domenica del 22 ottobre 1978Papa Giovanni Paolo II celebrava la sua prima messa in qualità di pontefice e pronunciò la  frase, divenuta oramai simbolo dei suoi 27 anni di papato: “Non abbiate paura. Aprite, anzi spalancate le porte a Cristo”. Non è un caso, quindi che la Chiesa, già lo scorso anno, abbia scelto proprio la giornata del 22 ottobre per celebrare la festa liturgica di Karol Wojtyla canonizzato, insieme Giovanni XXIII, da Papa Francesco il 27 aprile 2014.

In occasione della prima festa liturgica di San Giovanni Paolo II,  il 22 ottobre 2014, la messa di dedicazione a San Giovanni Paolo II  fu celebrata nella cappella del Policlinico universitario Gemelli, l’ospedale in cui il Karol Wojtyla  fu accolto e curato durante i vari ricoveri nel corso del suo pontificato. L’appuntamento per domani, 22 ottobre, è invece, alle ore  18.30 nella basilica di Santa Maria del Popolo.

A organizzare la celebrazione solenne presieduta dall’arcivescovo Piero Marini, presidente del Pontificio comitato per i congressi eucaristici internazionali e già maestro delle celebrazioni liturgiche pontificie di papa Giovanni Paolo II, è l’ associazione italo-polacca, Totus Tuus, nata il 2 aprile 2015, giorno del decimo anniversario di morte di di papa Wojtyla, per promuoverne la parola.  È il Cardinale Stanisław Dziwisz a illustrare l’importanza del nome scelto per l’associazione: “Alla fine -spiega riferendosi a Papa Wojtyla- ricordo quel giorno, quando si è avvicinato alla finestra, ma non riusciva a pronunciare le parole di quella benedizione, ha solo preso un foglio e ha scritto: Totus Tuus. Questa è stata l’ultima frase che ha scritto nella sua vita”.