san giorgio, papa poveri

San Giorgio, un gelato per i poveri della città

Dopo aver regalato 400 sacchi a pelo ai senza fissa dimora nel giorno del suo compleanno, e aver offerto, il mese successivo, i biglietti del circo a duemila senza dimora, Papa Francesco, che di primo nome fa Jorge, ha voluto festeggiare il suo onomastico, San Giorgio, aiutando i più bisognosi della città.

A renderlo noto la Sala Stampa della Santa Sede. L’Elemosineria Apostolica distribuirà oggi, nel giorno in cui la Chiesa ricorda San Giorgio, 3.000 gelati ai poveri di Roma. A coloro che vengono quotidianamente accolti nelle mense, nei dormitori e nelle strutture della Capitale gestite da enti quali la Caritas, la Comunità di Sant’Egidio, Auxiulium e Centro Astalli.

Roma, “capitale” della povertà

san giorgio, senzatetto Secondo i dati dell’ultimo Rapporto Caritas, ‘La povertà a Roma: un punto di vista’, pubblicato nel dicembre scorso, sono circa 7.500 le persone in povertà estrema nella Capitale. Oltre il 34% di loro è in strada da più di 4 anni.

Almeno trentamila, poi, le famiglie interessate dall’emergenza abitativa.

Sono 47 in città i centri con posti letto, 27 i servizi di doccia, 39 centri di cura, 166 centri di ascolto di cui 98 centri parrocchiali. Non mancano poi le comunità per alcolisti e tossicodipendenti, i centri di assistenza per detenuti, i centri per donne vittime di tratta e le scuole di italiano per stranieri.