Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Radiopiù Notizie

11:00 11:03

Show attuale

Radiopiù Notizie

11:00 11:03

Background

Robert Cheaib: tradurre il linguaggio dell’amore nel quotidiano

Scritto da il 5 Aprile 2020

Robert Cheaib nella quinta puntata di “Educare i figli alla fede”, parla dell’amorevolezza e dell’importanza di saper tradurre nel quotidiano il linguaggio dell’amore.

 

Amorevolezza è una parola molto cara a Don Bosco. Lui afferma che il suo sistema preventivo  si fonda su tre cose: la ragione, la religione e soprattutto l’amorevolezza. Perché si fonda soprattutto sull’amorevolezza?

Perché affinché i nostri figli possano vedere Dio amore devono vedere una umanità che ama, un genitore che ama.

Quando guardiamo le questioni di cronaca, come una madre che butta il figlio dalla finestra o un padre che uccide i propri figli, il nostro cervello si gonfia di rabbia ma in realtà questi casi rappresentano meno dell’1%.

La normalità delle famiglie è l’amore. Tante famiglie vivono una grande esperienza d’amore, di sacrifici.

Parlo alla maggior parte di voi che siete arrivati dove siete grazie ai sacrifici che i vostri genitori hanno fatto per portarvi avanti nella vostra vita di studio, in quella lavorativa, vi hanno aiutato a comprare casa, ecc.

Robert Cheaib: la famiglia è una esperienza di amore

Il problema di tante famiglie, però, è che questo amore viene detto in un linguaggio che non arriva sempre al destinatario. Per questo Don Bosco, riguardo all’amorevolezza, ci dà un insegnamento grandissimo. Ci dice che non basta amare i ragazzi ma bisogna anche farglielo capire.

L’amorevolezza è soprattutto saper tradurre il linguaggio del nostro amore.

Questo linguaggio passa molto per il “non detto”. Tanti psicologi e sociologi dicono che la comunicazione è in gran parte non verbale. Cosa significa?

Significa che sono importanti i gesti d’amore, di tenerezza, di serenità, di affettuosità e  rispetto che si vivono in famiglia e che insinuano verso i figli un ambito d’amore e un amore diretto a loro. Cosa c’entra tutto questo con l’educazione religiosa?

Robert Cheaib: una religiosità sana può esserci solo in una umanità risanata

Ripeto: è proprio quando siamo in un’umanità risanata che possiamo vivere una religiosità sana.

Robert Cheaib

Lettera Enciclica Amoris Laetitia

Non si può costruire la religiosità sulle macerie dell’umanità e per questo mi piacerebbe concludere questa puntata con una bellissima citazione dell’ Amoris Laetitia di Papa Francesco, che dice: “I bambini, appena nati, incominciano a ricevere in dono, insieme al nutrimento e alle cure, la conferma delle qualità spirituali dell’amore. Gli atti dell’amore passano attraverso il dono del nome personale, la condivisione del linguaggio, le intenzioni degli sguardi, le illuminazioni dei sorrisi. Imparano così che la bellezza del legame fra gli esseri umani punta alla nostra anima, cerca la nostra libertà, accetta la diversità dell’altro, lo riconosce e lo rispetta come interlocutore e questo è l’amore che porta una scintilla di quello di Dio”.

(Trascrizione del testo a cura di Antoine Ruiz)


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



REPLACE_WITH_VARVY_SCRIPT