lunedì , 20 novembre 2017

Riapre dopo 20 anni l’area archeologica dei Fori Imperiali

Riapre al pubblico dopo 20 anni l’area archeologica dei Fori Imperiali. Accessibile fino a questo momento solo durante gli spettacoli estivi serali, si potrà visitare da oggi anche durante il giorno grazie a un percorso senza barriere architettoniche.

“È una grande emozione attraversare questo meraviglioso percorso, ricco di storia e di suggestione e che è stato chiuso per troppi anni – ha dichiarato a proposito il sindaco di Roma, Virginia RaggiLa riapertura al pubblico dell’area archeologica dei Fori Imperiali, dopo quella recentissima del Circo Massimo, è un altro pezzo importantissimo del patrimonio storico e archeologico di Roma che viene ridato alla città e al mondo. Il nostro intento  – aggiunge il primo cittadino – è di adoperarci per abbattere le barriere architettoniche e, con esse, anche ostacoli e pregiudizi di natura culturale che non sono del tutto scomparsi”.

L’ingresso all’area archeologica è situato in Piazza Santa Maria di Loreto, presso la Colonna Traiana. Il percorso della visita, seguendo la passerella presente nel sito, toccherà una parte del Foro di Traiano, passerà sotto via dei Fori Imperiali percorrendo le cantine delle antiche abitazioni del Quartiere Alessandrino, attraverserà il Foro di Cesare e terminerà in prossimità del Foro di Nerva.

Queste le modalità di accesso: la prenotazione dovrà avvenire esclusivamente tramite il servizio Zètema 060608;  tutti i giorni della settimana le visite (della durata di un’ora) saranno riservate a gruppi organizzati; il biglietto di accesso all’area è di 4€ per l’intero e di 3€ per il ridotto, da pagare direttamente sul posto (resta intesa la gratuità per determinate categorie di visitatori); il numero massimo di persone consentito a gruppo sarà di 30. Il 3 dicembre, poi, rende noto il Comune di Roma, in occasione della Giornata internazionale per la disabilità, istituita dalla Convenzione ONU e dalla Commissione Europea, l’area archeologica dei Fori Imperiali, la prima completamente priva di barriere architettoniche, sarà aperta esclusivamente alle persone con disabilità motoria. L’ingresso e l’uscita dall’area saranno garantiti da due ascensori, posti all’inizio e alla fine del percorso.

 

 

 

 

 

 

Check Also

Terme di Diocleziano, “Rinascite”: le opere salvate dal terremoto in mostra

Terme di Diocleziano, arrivano le opere da Amatrice e Accumoli Saranno in mostra al museo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X