Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Radiopiù Notizie

10:30 10:33

Show attuale

Radiopiù Notizie

10:30 10:33

Background

Resurrezione: qual è il suo significato a pochi giorni dalla Pasqua?

Scritto da il 18 Aprile 2019

La resurrezione di Gesù al centro della vita cristiana spiegata da don Antonio Mastantuono, vice assistente generale dell’Azione Cattolica.

 

La resurrezione di Cristo

Il cammino della Quaresima sta volgendo al termine anche quest’anno e stiamo per vivere il culmine della “buona novella”, cuore pulsante della nostra fede, nel triduo pasquale: la croce di Cristo, certamente, ne è l’aspetto principale e raccoglie tutte le sofferenze, le debolezze, le mancanze di ciascuno di noi nelle piccole e nelle grandi cose della vita quotidiana. Tuttavia, la croce, la morte non è l’unico elemento da considerare, né tanto meno il punto finale da cui sgorga la nostra fede. È la resurrezione di Gesù ad alimentare la nostra fede e a plasmarla secondo uno stile sempre nuovo, inaspettato, che non riusciamo ad afferrare mai completamente perché si tratta del cardine del mistero pasquale.

Ascolta la puntata di InformAc di giovedì 18 aprile

Parlare oggi di resurrezione

resurrezione

don Antonio Mastantuono

Insieme a Vittorio Sammarco, ad InformAc abbiamo cercato di approfondire il significato della resurrezione insieme a don Antonio Mastantuono, vice Assistente generale dell’Azione Cattolica Italiana, secondo cui il termine “resurrezione” è quasi del tutto scomparso dal vocabolario dell’uomo comune dei nostri tempi: “Parlare di resurrezione oggi vuol dire aprire uno squarcio nella cultura in cui siamo immersi- afferma il vice Assistente generale -uno squarcio che dimostra l’esistenza di qualcosa d’altro che va oltre la realtà mondana, la realtà che noi vediamo e percepiamo. La resurrezione di Cristo supera la più grande paura dell’uomo da sempre, cioè la morte”. Si può quindi parlare ancora di resurrezione oggi, anzi, è doveroso, tra credenti e tra uomini in ricerca: è la via per continuare ad interrogarsi sulla grande speranza che abita la vita dell’uomo, cioè lo spiraglio della vita oltre la morte. “Ne possiamo parlare come pastori, educatori, genitori e la possiamo comunicare e testimoniare con uno stile di vita, al di là delle parole e dei ragionamenti- continua don Antonio Mastantuono -Risorgere, infatti, vuol dire anche riprendere a percorrere la propria vita in modo diverso, indossando un “abito” nuovo, che non si macchia della paura dell’altro e non si chiude alla vista del diverso”.

Sappiamo ancora spezzare il pane?

Alla vigilia del triduo pasquale è bene infatti chiedersi se le nostre comunità, le nostre parrocchie, i nostri gruppi siano ancora capaci di “spezzare il pane”, cioè condividere povertà, delusioni e fatiche quotidiane, e siano dunque in grado di camminare nella luce della resurrezione seguendo l’esempio del Maestro: “Le nostre comunità oggi- aggiunge don Antonio concludendo -sono vittime inconsapevoli, sono diventate porose e hanno assorbito quella cultura della paura dell’altro ormai così diffusa ed esasperata. Sembra che anche nei nostri ambienti ci sia sempre bisogno di avere un nemico per riuscire a stringere legami fra noi”. L’augurio, ma anche la preghiera, per questa Pasqua 2019 allora è il seguente: che ciascuno di noi, nel suo piccolo, riesca nuovamente a scorgere nell’altro non la maschera del nemico, ma il volto autentico del fratello.

 Appuntamenti e news

L’ACR di Roma invita tutti i ragazzi dell’ACR e i loro amici a partecipare il 25 aprile alla Giornata diocesana del gioco e dello sport organizzata dall’Ufficio per la pastorale e il tempo libero, il turismo e lo sport in collaborazione con l’AC di Roma. L’appuntamento è alle 9.30 accanto al galoppatoio di Villa Borghese. La mattinata si concluderà con la Santa Messa celebrata da Monsignor Ruzza.

Si concludono i lunedì formativi del Settore Adulti dell’AC di Roma con il 6 maggio alle 16.30 in via della Pigna 13/A; la tematica affrontata sarà “Accompagnare per educare e formare” con Chiara Sancin e Marco Di Tommasi, Vicepresidenti Adulti dell’AC di Roma.

Vi ricordiamo ancora la grande festa per i 150 anni dell’AC di Roma prevista per l’11 maggio con la solenne celebrazione di ringraziamento presieduta dal Cardinal Vicario De Donatis a San Giovanni in Laterano.

Vi segnaliamo infine l’incontro nazionale degli AdultissimiDi Generazione in generazione” del 29 maggio a Roma. Si inizierà con l’udienza generale in piazza San Pietro con Papa Francesco e poi si continuerà in aula Paolo VI. È necessario iscriversi versano una quota di 8 euro al centro diocesano di via della Pigna 13/A.

 

Ti consigliamo di leggere anche: Quaresima: I giovani tra digiuno, preghiera e carità

 


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Per motivi di perfomance, utilizziamo Cloudflare come rete CDN. Questo salva un cookie "__cfduid" per applicare le impostazioni di sicurezza per ogni client. Questo cookie è strettamente necessario per le funzionalità di sicurezza di Cloudflare e non può essere disattivato.
  • __cfduid

Utilizziamo Quform Plugin per tutti i moduli di contatto sul nostro sito web. Questo memorizza un token di sicurezza.
  • quform

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
REPLACE_WITH_VARVY_SCRIPT