Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Vivere Bene

22:17 22:25

Show attuale

Vivere Bene

22:17 22:25

Background

La residenza pontificia di Castel Gandolfo diventa museo

Scritto da il 15 Ottobre 2016

Francesco, al contrario dei suoi predecessori, non l’ha mai utilizzato, ma non per questo l’appartamento pontificio di Castelgandolfo deve restare chiuso a chiave. Il Papa argentino ha quindi stabilito che, dal prossimo 21 ottobre, anche i luoghi più esclusivi della residenza estiva dei Papi diventeranno un Museo aperto al pubblico. Incluso l’appartamento dove morirono Pio XII nel 1958 e il Beato Paolo VI nel 1978 e dove Benedetto XVI, il famoso pomeriggio del 28 febbraio 2013, si ritirò dopo la rinuncia.

Il Santo Padre, dunque, non ha mai utilizzato l’appartamento per circa quattro secoli utilizzato dai suoi predecessori, se non per qualche fugace visita nei primi mesi di pontificato. Già nel 2014 aveva deciso di aprire al pubblico le Ville Pontificie dei Castelli Romani; ora l’intero complesso del Palazzo Apostolico entrerà a far parte dei Musei Vaticani. Tale decisione – spiegano dalla Santa Sede – non comporterà cambiamenti strutturali della sistemazione interna.

Tra i luoghi esclusivi che turisti e fedeli potranno visitare c’è anzitutto la Camera da letto, una stanza molto bella con le finestre rivolte verso il mare. È qui che, durante la persecuzione nazista, partorirono diverse donne ebree che Pio XII aveva nascosto, insieme ai loro familiari. Proprio sul letto del Pontefice nacquero circa 40 bambini, chiamati infatti “i figli del Papa”.

Vicino alla Camera, c’è poi una piccola Cappella privata nella quale i Papi del passato si sono potuti recare a pregare in solitudine. In particolare Giovanni Paolo II che amava sostare ai piedi dell’icona della Madonna nera di Czestochowa, posta sopra l’altare trono. Sempre nella Cappella s’inginocchiarono Benedetto e Francesco nel primo, storico, incontro, pochi giorni dopo l’elezione di quest’ultimo.

Si potranno visitare anche la Biblioteca del Papa e lo Studio dove i Pontefici si sono dedicati a scrivere encicliche e preparare omelie. Poi, due ambienti riservati al segretario particolare e al segretario aggiunto. Infine il Salone degli Svizzeri, chiamato così poiché un tempo era qui che montava il corpo di guardia armato che dal 1506 presta servizio al Papa. Sarà aperta anche la Sala del Concistoro, in genere utilizzata per le riunioni formali del Collegio cardinalizio.

(da www.zenit.org)


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Per motivi di perfomance, utilizziamo Cloudflare come rete CDN. Questo salva un cookie "__cfduid" per applicare le impostazioni di sicurezza per ogni client. Questo cookie è strettamente necessario per le funzionalità di sicurezza di Cloudflare e non può essere disattivato.
  • __cfduid

Utilizziamo Quform Plugin per tutti i moduli di contatto sul nostro sito web. Questo memorizza un token di sicurezza.
  • quform

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
REPLACE_WITH_VARVY_SCRIPT