Recitare il Rosario per proteggere la Chiesa dal Diavolo

Recitare il Rosario ogni giorno e “unirsi così in comunione e in penitenza, come popolo di Dio, nel chiedere alla Santa Madre di Dio e a San Michele Arcangelo di proteggere la Chiesa dal diavolo, che sempre mira a dividerci da Dio e tra di noi”.

È l’appello rivolto da Papa Francesco a tutti i fedeli per l’intero mese mariano di ottobre. Già lo scorso 11 settembre, in un’omelia a Santa Marta, citando il primo libro di Giobbe, il Pontefice aveva spiegato che il Rosario è l’arma contro il Grande accusatore che “gira per il mondo cercando come accusare”.

Il caso McCarrick e le accuse di Viganò

Proprio a pochi giorni prima risale, tra l’altro, la richiesta da parte dell’ex nunzio apostolico negli Usa, monsignor Carlo Maria Viganò, delle dimissioni del Santo Padre con l’accusa di aver ignorato per anni le informazioni sugli abusi sessuali su giovani seminaristi da parte dell’ex cardinale di Washington, l’ottantottenne Theodore McCarrick.

Lo scorso 28 luglio Papa Francesco aveva accettato la rinuncia alla porpora di McCarrick, cardinale dal 2001 e arcivescovo di Washington dal 2000 al 2006. Il Pontefice aveva disposto la sua “sospensione dall’esercizio di qualsiasi ministero pubblico, insieme all’obbligo di rimanere in una casa che gli verrà indicata (il monastero di St. Fidelis a Victoria in Kansas, ndr.) , per una vita di preghiera e di penitenza, fino a quando le accuse che gli vengono rivolte siano chiarite dal regolare processo canonico”.

L’antica invocazione “Sub Tuum Praesidium”

Il Santo Padre ha inoltre invitato a concludere il Santo Rosario non solo con la preghiera a San Michele Arcangelo scritta da Leone XIII ma anche con l’antica invocazione “Sub Tuum Praesidium”maria 2665904 960 720 200x300 - Recitare il Rosario per proteggere la Chiesa, l'invito del Papa per ottobre“Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio, Santa Madre di Dio. Non disprezzare le suppliche di noi che siamo nella prova, ma liberaci da ogni pericolo, o Vergine Gloriosa e Benedetta”.

Il Santo Padre, specifica una nota della Sala Stampa Vaticana, ha chiesto ai fedeli di tutto il mondo di pregare perché la Santa Madre di Dio, ponga la Chiesa sotto il suo manto protettivo: “per preservarla dagli attacchi del maligno, il grande accusatore, e renderla allo stesso tempo sempre più consapevole delle colpe, degli errori, degli abusi commessi nel presente e nel passato e impegnata a combattere senza nessuna esitazione perché il male non prevalga”.