Racconti di donna al centro del primo libro di Elena Rossi

0

Racconti di donna e sguardi al femminile su temi di attualità al centro del libro “Onda e altri racconti” di Elena Rossi.

Un libro nato come un’onda, denso di un vissuto fatto di viaggi, di esperienze, di vita. Nasce così “Onda e altri racconti” opera prima della giovane scrittrice Elena Rossi, edito per la Collana “Kumacreola, scritture migranti” di Cosmo Iannone Editori.

Racconti di donna al centro del primo libro di Elena Rossi 1
Un momento della serata del 29 gennaio

Il libro è stato presentato il 29 gennaio scorso presso la “Cappella Orsini Lab”, grazie ad una serata di letture al femminile, dove le attrici Valentina Ghetti, Liliana Mele e Gabriella Corini sono state dirette dalla regista Diana Pesci. Volti che hanno dato voci alle storie di donne contenuti nei nove racconti. Nove donne di culture e paesi diversi, provenienti prevalentemente dal Medio Oriente e dall’Africa, che con coraggio affrontano i problemi della migrazione, dell’infibulazione e dell’abbandono del proprio paese, spesso in condizioni tragiche. Dalla bambina traumatizzata dai bombardamenti in Iraq, alla giovane incinta in fuga dalla Libia su un barcone verso l’Italia, all’africana che riesce a sopravvivere in un carcere del napoletano anche sottomettendosi a soprusi, grazie al pensiero costante verso la piccola figlia da cui è separata.

Ascolta l’intervista integrale ad Elena Rossi andata in onda nella rubrica Tutte le Strade di venerdì 1 febbraio. 

 

«Ho avuto modo di vivere in paesi stranieri, soprattutto del mondo arabo -, ci racconta l’autrice – ma anche di entrare in contatto, grazie al mio lavoro, con i rifugiati e questo mi ha dato modo di prestare ascolto a tante voci e testimonianze. Voci che sono poi entrate nella mia anima e sono tornate indietro con questo libro». Racconti che toccano grandi problemi di attualità e gettano luce su una umanità ferita, attraverso uno sguardo al femminile, ma che certo non esclude il mondo maschile. «In realtà l’intento era quello di dimostrare che siano tutti uguali -, prosegue la Rossi – che l’emozione è una sola anche nella differenza e che il dolore non ha confine ma nemmeno il timore di essere fermato».

Storie che aiutano a sensibilizzare l’opinione pubblica per contrastare l’indifferenza, seguendo quella letteratura della transcultura, fondata dal docente e critico letterario Armando Gnisci, che ha come obiettivo quello di crescere con il Racconti di donna al centro del primo libro di Elena Rossi 3mondo, senza aver timore dei confini e della differenza. Dunque seguendo questa corrente Elena Rossi dà vita ad un’opera densa di dramma ma anche di speranza, carica di quella umanità che l’autrice descrive come un mare aperto, luogo di vita e di dialogo, dove: «bisogna educarci a pensare con gli altri e con il mondo». Proprio grazie a questa sensibilità l’opera è valsa alla scrittrice il premio speciale Franco Cuomo International Award, come esordiente nella Sezione Letteratura, conferitogli al Senato della Repubblica. Infine il progetto, che sta raccogliendo grande successo, potrebbe presto approdare in teatro, con la messa in scena di alcuni racconti in cui saranno coinvolte anche attrici rifugiate e immigrate.