giovedì , 23 novembre 2017

Papa Francesco, udienza straordinaria per il Pellegrinaggio Mondiale del popolo gitano

Papa Francesco incontrerà oltre 5mila gitani in un’ udienza straordinaria nell’Aula Paolo VI. Questo l’appuntamento in programma per il prossimo 26 ottobre, ultima delle giornate del Pellegrinaggio Mondiale del popolo gitano organizzato dal Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti per commemorare il cinquantesimo anniversario della storica visita di papa Paolo VI al campo nomadi di Pomezia avvenuta il 26 settembre 1965.  “Un’ occasione – ha dichiarato il Pontificio Consiglio per la Pastorale dei Migranti e degli Itineranti – per far conoscere all’ opinione pubblica la storia e le qualità dei gitani, spesso vittime di pregiudizi e ostilità“. Dopo l’ incontro con il Papa, in mattinata, i gitani potranno, poi, fare una visita alla Basilica di San Pietro.

All’incontro con Benedetto XVI nel 2011 avevano preso parte solo le comunità gitane europee. Da domani, invece, arriveranno a Roma non solo Rom e sinti provenienti dall’Europa, ma anche dall’America e dall’Asia. Nella mattinata di sabato 24 ottobre, i pellegrini avranno la possibilità di visitare le e Catacombe di San Callisto, San Sebastiano e Santa Domitilla. Alle 18,30, invece, nell’area del Colosseo, avrà luogo la celebrazione della Via Crucis presieduta dal cardinale Agostino Vallini, vicario generale del Papa per la diocesi di Roma. Domenica 25 ottobre è prevista, poi, la celebrazione della Messa al santuario della Madonna del Divino Amore presieduta dal cardinale Antonio Maria Vegliò, presidente del Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti. A fine giornata ci sarà, invece, un concerto di musica gitana nella basilica di Santa Maria in Trastevere.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Check Also

Giornata dei poveri, Papa: “Per il cielo non vale ciò che si ha, ma ciò che si dà”

Giornata mondiale dei poveri. Siamo “talentuosi” agli occhi di Dio “Tutti siamo mendicanti dell’essenziale, dell’amore di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X