Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Radiopiù Notizie

11:30 11:33

Show attuale

Radiopiù Notizie

11:30 11:33

Background

Piccolo breviario dell’anima: l’amore

Scritto da il 7 Gennaio 2020

Si può definire il significato di amore? È davvero possibile circoscrivere un concetto tanto ampio?

Le tue mani
Quando le tue mani muovono, amore, verso le mie, cosa mi portano in volo? Perché si sono fermate sulla mia bocca, all’improvviso, perchè le riconosco come se una volta, prima, le avessi toccate, come se prima di esistere avessero già percorso la mia fronte, la mia cintura?
La loro morbidezza giungeva volando sul tempo, sul mare, sul fumo, sulla primavera, e quando tu hai posato le tue mani sul mio petto, ho riconosciuto quelle ali di colomba dorata, ho riconosciuto quella creta e quel colore di grano.
Per tutti gli anni della mia vita ho vagato cercandole. Ho salito scale, ho attraversato scogliere, mi hanno trascinato via treni, le acque mi hanno riportato, e nella pelle dell’uva mi è sembrato toccarti.
Il legno di colpo mi ha portato il tuo contatto, la mandorla mi annunciava la tua morbidezza, finché si sono strette le tue mani sul mio petto e lì come due ali hanno concluso il loro viaggio. (Pablo Neruda)

I molteplici significati dell’amore

Il nostro “Piccolo breviario dell’anima”, affronta questa volta compito arduo. La parola Amore può assumere una tale molteplicità di significati da confondere. Amore è una parola che indica una tra le espressioni più alte e profonde dell’umano sentire. Dante nell’ultimo Canto del Paradiso:  “l’Amor che move il il sole e l’altre stelle”, indicando Iddio stesso, che è certo amore,  se pure non nei significati che comunemente assegnamo al sostantivo.

Per ciascuno di noi la parola “amore”, indica e ha indicato: passione, tormento,  turbamento, estasi; sono solo alcune tra le espressioni più evidenti del sentimento,  che tuttavia risultano in aperto contrasto tra loro. Amore è altro ancora e assai più importante. Amore è infatti anche un “sapere,”, qualcosa che si coltiva e cresce in noi, qualcosa che hanno seminato in noi i nostri cari e che noi dobbiamo avere cura di seminare nei nostri figli ma anche nel prossimo. Saper amare è importante almeno quanto sentire amore, avvertire una adesione forte all’oggetto del nostro amore. Una società senza amore è destinata al dolore e al peccato. Per questo occorre considerare che Amore non può essere “valore aggiunto”, esso è il moto dell’anima che sospinge il lavoro ed ogni applicazione umana. Ne è la ragione fondante e per il cristiano un dovere e insieme un bisogno vitale.

Amore dato e ricevuto

Dentro di noi le mille rifrazioni del sentimento si manifestano poi nel corso delle giornate. E infiniti i modi di dare, comunicare, percepire e ricevere, “amore”. L’amore non solo ci protende verso riscoperta dell’oggetto originario ma compensa, per taluni, quanto è stato negato e non abbiamo avuto nell’infanzia per le debolezze e le mancanze di genitori magari distratti. A colei o colui a cui diamo il nostro amore, consciamente o inconsciamente, chiediamo anche di guarire quella ferita. Spesso si è delusi e questo anche perché si eccede nell’aspettativa e la promessa. Come cristiani occorre che la nostra vita venga intesa e vissuta quale espressione d’amore. Questo ci darà pace e ristoro del cuore.

Per avere traccia utile, affidiamoci alla lingua e all’etimologia. È Giacomo da Lentini nel 1250 che lo indica come moto affettuoso e inclinazione profonda verso qualcuno o qualcosa. Più avanti, Aninnibal Caro, nel 1544, ne riprende il senso Platonico di “amore scevro di sensualità”. È il Boccaccio nel 1353, che individua “amore”,  quale sentire vibrante, disordinato e libertino, cioè “tresca amorosa”. Sentimento più basso ma anche fortemente umano.

Il termine tuttavia nella accezione comune viene forse dal latino medioevale, fatto risalire al latino amorosu(m),  cioè amoroso (in quanto oggetto d’amore) ma anche colui o colei che è agente d’amore, come pure uno sguardo, un gesto, un pensiero persino, che sia affezione,  dilezione e cura. Ecco che questo mi pare sostantivo, o anche sinonimo, che possa aiutare a restituire senso alla parola, ahimè oggi poco usata quando sarebbe opportuno o invece abusata a sproposito e persino “violata”. Perché amore è “avere e prendere cura” di sé e dell’altro e “non dimenticare”. Ricordare una persona è importante quanto aprirle il cuore, il sentimento certo implicherà impegno d’amore.

Il sommo bene nella Bibbia e nella Chiesa

Ci sono doveri da compiere e la vita ci chiama ad un impegno costante attraverso la realizzazione di sé e della famiglia ma anche nel sentire gli altri come fratelli. San Paolo chiamava amore pienezza della legge (Romani 13:8) Amore nel mondo, è citato nel Cantico dei cantici. Agapē piuttosto che Eros nel nuovo testamento nella distinzione tra “amore misericordioso” che ricerca ciò che è perduto ed è anzitutto rivolto agli altri. San Girolamo nella vulgata traduce il termine in charitas e dilectio. Amore è dunque concetto universale che indica il “sommo bene” ma anche più semplicemente  dilezione,  non sempre con valore di esclusività e mai in direzione di “possesso”, ancor peggio di soddisfazione degli istinti, non può essere quella la strada, anche se tutto ciò appare umana ed è nostra debolezza non può quella essere definita amore.

È amore quando possiamo e sentiamo necessario “aprire” e “non chiudere” il nostro cuore, questo  aiuta a comprendere che la vita è un dono d’amore di Nostro Signore e occasione unica per dare e ricevere amore.

Ascolta la puntata odierna di e con Ugo De Vita


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Per motivi di perfomance, utilizziamo Cloudflare come rete CDN. Questo salva un cookie "__cfduid" per applicare le impostazioni di sicurezza per ogni client. Questo cookie è strettamente necessario per le funzionalità di sicurezza di Cloudflare e non può essere disattivato.
  • __cfduid

Utilizziamo Quform Plugin per tutti i moduli di contatto sul nostro sito web. Questo memorizza un token di sicurezza.
  • quform

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
REPLACE_WITH_VARVY_SCRIPT