Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Show attuale

Background

Pentecoste, Papa: “Lasciamoci prendere per mano dallo Spirito”

Scritto da il 10 Giugno 2019

Pentecoste: “Lo Spirito fa nuove le cose”

“È lo Spirito che spinge ancora una volta a non accontentarsi, a cercare di rimettersi in cammino. È lo Spirito che ci salverà da ogni ‘risistematizzazione’ diocesana”. È quanto aveva affermato Papa Francesco lo scorso 9 maggio durante il Convegno diocesano.

“Lo Spirito Santo sgorga dal grembo di misericordia di Gesù Risorto, riempie il nostro grembo di una ‘misura buona, pigiata, colma e traboccante’ di misericordia (cfr Lc 6,38) e ci trasforma in Chiesa-grembo di misericordia, cioè in una ‘madre dal cuore aperto’ per tutti”. È quanto ha ribadito ancora sabato scorso, 8 giugno, durante la Veglia di Pentecoste in piazza San Pietro, seconda importante tappa nel cammino pastorale della Diocesi di Roma.

“Noi siamo sempre un po’ stretti di sguardo e di cuore. Lasciati a noi stessi finiamo per perdere l’orizzonte. Arriviamo a convincerci di aver compreso tutto, di aver preso in considerazione tutte le variabili, di aver previsto cosa accadrà e come accadrà. Sono tutte costruzioni nostre che si illudono di toccare il cielo. Invece lo Spirito – ha sottolineato il Pontefice –  irrompe nel mondo dall’Alto, dal grembo di Dio, lì dove il Figlio è stato generato, e fa nuove tutte le cose”.

 

Pentecoste: ascoltare il grido di Roma

Lo Spirito “ci fa ammutolire di fronte all’imprevedibilità del piano di Dio, e poi trasalire di gioia. ‘Allora era questo che Dio aveva in grembo per noi!’: questo cammino di Chiesa, questo passaggio, questo Esodo, questo arrivo alla terra promessa, la città-Gerusalemme dalle porte sempre aperte per tutti, dove le varie lingue dell’uomo si compongono nell’armonia dello Spirito, perché lo Spirito è l’armonia.

Se l’orgoglio e la presunta superiorità morale non ci ottundono l’udito, ci renderemo conto che sotto il grido di tanta gente non c’è altro che un gemito autentico dello Spirito Santo.

Da qui l’invito di Francesco:Lasciamoci allora prendere per mano dallo Spirito e portare in mezzo al cuore della città pentecoste, papa francescoper ascoltarne il grido, il gemito. E per metterci in ascolto del grido della città di Roma, anche noi abbiamo bisogno che il Signore ci prenda per mano e ci faccia ‘scendere’, scendere dalle nostre posizioni, scendere in mezzo ai fratelli che abitano nella nostra città, per ascoltare il loro bisogno di salvezza, il grido che arriva fino a Lui e che noi abitualmente non udiamo”.

Pentecoste: la preghiera del cardinale vicario e il pellegrinaggio al Divino Amore

L’appello del Papa è stato ripreso dal cardinale vicario Angelo De Donatis, nella preghiera conclusiva della celebrazione. “O Signore che ti fai Dono d’amore per noi, nel tuo Spirito, guarda oggi questa tua Chiesa di Roma, riunita per celebrare una rinnovata Pentecoste. È una Chiesa che accoglie di nuovo l’impeto dello Spirito Santo, per uscire, come gli Apostoli, ad annunciare la Gioia del Vangelo.

È una Chiesa che, come Madre accogliente, vuole continuare a generare alla fede nuovi figli in una città dove nessuno si senta straniero. È una Chiesa ricca di memoria, ricolma di santità, fatta di gente generosa, vivace, creativa, che non vuole cedere al pessimismo, all’accidia, all’indifferenza”.

Il cardinale ha poi ricordato le parole di Pio XII in un discorso ai fedeli in pellegrinaggio al Divino Amore, per ringraziare il Signore di aver salvato Roma, l’11 giugno 1944:

“Custodisci la tua Roma e preservala anche nell’avvenire. Possa questa Roma dalla dura esperienza di tante sventure aver luce e forza per una migliore luce personale, familiare, collettiva e ritornare esempio alle genti per la fede, vissuta in opere di giustizia e in umile amore”.

Significativa, dunque, durante la Messa, la presenza dell’icona della Madonna del Divino Amore durante la Messa. Riaccompagnata, a conclusione della celebrazione, in processione a piazza di Porta Capena, l’immagine di Maria ha fatto tappa alle chiese di Santa Maria in Traspontina, Santa Maria in Vallicella e alla Chiesa del Gesù.

Poi, dalle Terme di Caracalla è partita una processione notturna fino al Santuario del Divino Amore. Proprio lì, nel pomeriggio, il cardinale vicario aveva inaugurato la nuova cappella del Santissimo Sacramento.

Pentecoste: Cos’ è lo Spirito Santo?

Quanto affermato durante la veglia di sabato è stato nuovamente ripreso durante la  Messa di Pentecoste di domenica 9 giugno. “Lo Spirito  – ha precisato Papa Francesco – non è, come potrebbe sembrare, una cosa astratta, è la Persona più concreta, più vicina, quella che ci cambia la vita. È una pace che rende il cuore simile al mare profondo, che è sempre tranquillo anche quando in superficie le onde si agitano. È un’armonia così profonda che può trasformare persino le persecuzioni in beatitudini.

Abbiamo soprattutto bisogno dello Spirito: è Lui che mette ordine nella frenesia. Egli è pace nell’inquietudine, fiducia nello scoraggiamento, gioia nella tristezza, gioventù nella vecchiaia, coraggio nella prova“.

Senza lo Spirito la vita cristiana è sfilacciata, priva dell’amore che tutto unisce. Senza lo Spirito Gesù rimane un personaggio del passato, con lo Spirito è persona viva oggi. Senza lo Spirito la Scrittura è lettera morta, con lo Spirito è Parola di vita. Un cristianesimo senza lo Spirito è un moralismo senza gioia. Con lo Spirito è vita.

Lo Spirito Santo non porta solo armonia dentro, ma anche fuori, tra gli uomini. Ci fa Chiesa, compone parti diverse in un unico edificio armonico.

Nell’era dei computer si sta a distanza: più ‘social’ ma meno sociali. Abbiamo bisogno dello Spirito di unità, che ci rigeneri come Chiesa, come Popolo di Dio, e come umanità intera. Che ci rigeneri”.

 

 


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Per motivi di perfomance, utilizziamo Cloudflare come rete CDN. Questo salva un cookie "__cfduid" per applicare le impostazioni di sicurezza per ogni client. Questo cookie è strettamente necessario per le funzionalità di sicurezza di Cloudflare e non può essere disattivato.
  • __cfduid

Utilizziamo Quform Plugin per tutti i moduli di contatto sul nostro sito web. Questo memorizza un token di sicurezza.
  • quform

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
REPLACE_WITH_VARVY_SCRIPT