sabato , 23 settembre 2017

Pellegrinaggio. Tra storia e mistero alla scoperta del Passetto del Borgo

Oltre Tevere a pochi passi dal Vaticano si trova uno tra i luoghi meno visitati e circondati dal mistero del Vaticano. Stiamo parlando del Passetto del Borgo, conosciuto storicamente per essere la via di fuga  o di passaggio per i papi che dai sacri palazzi volevano raggiungere la fortezza di Castel Sant’Angelo. Meta storica oltre che di pellegrinaggio.

 

Prosegue il nostro viaggio alla scoperta di Roma Cristiana insieme ad una guida di eccezione come don Giorgio Picu, sacerdote della diocesi di Roma e guida dell’Opera Romana Pellegrinaggi. In ogni puntata della rubrica Incammino scopriamo una porzione della capitale, cercando di scoprirne il lato non solo storico ma anche artistico e culturale. Dopo esserci soffermati presso il Borgo di Santo Spirito in Saxia, nei pressi della Basilica di San Pietro, continuiamo il nostro viaggio attorno alle mura vaticane ma avvicinandoci al Tevere e a Castel Sant’Angelo.

 

Ascolta tutta l’intervista che Francesca Baldini ha realizzato perla rubrica Incammino a don Giorgio Picu ed andata in onda su Radiopiu mercoledì 15 marzo. Scopri cosa ci ha raccontato!

LA STORIA 

Il Passetto o Passetto del Borgo è uno dei luoghi più misteriosi nei pressi del vaticano, ma anche storici. E’ chiamato popolarmente “er corridore” il “corridoio” e fu voluto da Niccolò III, al secolo Giovanni Gaetano Orsini, 188° papa che trasferì la residenza dal Palazzo Lateranense nella zona dell’attuale Vaticano. La costruzione del Passetto avvenne per creare una maggior controllo e difesa del Rione e per poter permettere al successore di Pietro di poter fuggire facilmente dal palazzi vaticani in caso di attacco. Infatti grazie al Passetto nel 1494 papa Alessandro VI riuscì a rifugiarsi a Castel Sant’Angelo nel corso dell’invasione dell’esercito di Carlo VIII di Francia, così come papa Clemente VII che riuscì a scampare ai lanzichenecchi nel 1527 durante il Sacco di Roma. Grazie all’anno giubilare del 2000 il Passetto fu ristrutturato e riaperto al pubblico. Oggi è possibile visitarlo solo attraverso visite guidate con previa prenotazione

 

Check Also

InformAc. Ultima puntata all’insegna della gioia

L’ultima puntata di InformAc si è chiusa nel segno della gioia con i giovanissimi e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X