Papa Francesco a San Crispino. Il diacono: “Uno slancio di speranza”

0

Papa Francesco a Labaro

Proprio a pochi giorni dal ventiseiesimo anniversario della visita di San Giovanni Paolo II (il 28 marzo 1993), domenica prossima, 3 marzo, Papa Francesco si recherà alla parrocchia di San Crispino da Viterbo.

Il Santo Padre giungerà nella chiesa di Labaro, alla periferia Nord di Roma, alle ore 16. Ad accoglierlo il cardinale vicario, Angelo De Donatis, il vescovo ausiliare Guerino Di Tora e il parroco don Luciano Cacciamani.

Il Papa, come di consueto, incontrerà i giovani, i bambini battezzati in questo ultimo anno, i disabili, gli ammalati, i poveri e i senza fissa dimora.

 

La parrocchia di San Crispino da Viterbo

Papa Francesco a San Crispino. Il diacono: "Uno slancio di speranza" 1A precedere la visita di Francesco, un pranzo con i poveri, ieri, una preghiera per la pace questa sera e un momento di adorazione eucaristica venerdì 1 marzo con tutti i gruppi della parrocchia.

Diverse infatti le realtà che fanno parte di San Crispino. Oltre al  G.A.M., movimento di ispirazione eucaristica, mariana, ecclesiale, i neocatecumenali, e il Rinnovamento nello Spirito c’è il Gruppo Volontariato Vincenziano. Attivo ancor prima che la chiesa venisse edificata, si occupa della raccolta e la distribuzione di abiti, alimenti, e materiale didattico ai bisognosi. Ma non solo. Importante punto di riferimento per poveri e malati è la Comunità di Sant’Egidio,

Sono tanti, infatti, gli indigenti, stranieri e italiani, che bussano alla porta della parrocchia di San Crispino, racconta a Radiopiù il diacono Raffaele D’Angelo. “La speranza è quella di aiutare, nei limiti del possibile, queste famiglie. Di far uscire le persone dalla povertà e farle inserire nel tessuto sociale”. “Siamo molto contenti” aggiunge a proposito dell’imminente incontro con Papa Francesco. “Aspettiamo con gioia questa visita perché darà fiducia sia ai tanti bisognosi ma darà anche speranza a noi che ci occupiamo di queste realtà. Ci darà forza e coraggio per andare avanti”.

Ascolta le sue parole:

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here