Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Tutte le strade

17:16 17:19

Show attuale

Tutte le strade

17:16 17:19

Background

Oratori estivi 2020: don Antonio Magnotta, “Piccoli gruppi ma grande cuore”

Scritto da il 25 Maggio 2020

Oratori estivi 2020: si riparte

Sconsigliati, per ora, i campi estivi. Sì, invece, agli oratori. Le attività saranno rimodulate in base alle regole per contenere l’emergenza da Coronavirus, ma i bambini e i ragazzi torneranno presto a giocare.

«Bisognerà immaginare l’oratorio composto da tanti oratori» racconta ai nostri microfoni don Antonio Magnotta, direttore del Servizio per la Pastorale giovanile della Diocesi di Roma che, lo scorso venerdì 22 maggio, ha presentato con l’Ufficio Catechistico, una nota con le indicazioni per la realizzazione degli oratori estivi in tempo di pandemia.

I bambini e i ragazzi saranno divisi in piccoli gruppi, da 5 a 10 componenti al massimo, più un animatore che dovrà presentare una certificazione medica che attesti le buone condizioni di salute. «Questa è la prima regola. I gruppi non possono incontrarsi con gli altri e fare cose insieme». Poi una serie di norme che tutti ormai siamo abituati a rispettare: indossare le mascherina, fare attività e giochi, preferibilmente all’aperto, con la dovuta distanza di un metro, massima attenzione al momento dei pasti, la continua igiene delle mani, la misurazione della temperatura corporea all’ingresso.

«Sono tante piccole regole e attenzioni  – precisa don Magnotta – che non vogliamo far vivere con pesantezza ma con scioltezza e serenità grazie anche alla formazione degli animatori».

Nota per lo svolgimento degli Oratori Estivi in tempo di Pandemia

Oratori estivi 2020: è tempo di narrazione e ascolto

In qualche modo si ricomincia, dunque, nonostante le restrizioni…

«Sì, io vedo in questa restrizione anche un’opportunità. Credo che sia un cambiamento anche di mentalità: non più il grande numero. Questo costringerà in senso buono a una cura attenta dei singoli e a mettere in evidenza il primato della relazione. Tante volte negli oratori estivi c’è un numero enorme di oratori estivi 2020, bambina bambini di cui gli animatori fanno fatica a ricordare il nome.

Quest’anno questo non avverrà, ognuno sarà chiamato per nome, ognuno sarà accolto con attenzione e cautela. Questa non è un’ansia ma ci deve far sentire come tutto si gioca in una cura attenta, scrupolosa della relazione tra di noi e con quelli che Dio ci affida.

Questa sera, in diretta web, sarà presentato il sussidio degli Oratori estivi 2020, “#BecomingSuper … Per ascoltare meglio”. Parola chiave, in linea con il cammino diocesano, sarà l’ascolto. Tema, più che mai, calzante …

Il sussidio «è stato coordinato e curato dall’ufficio catechistico della nostra Diocesi, dal Centro oratori romani con la presenza di alcune associazioni che hanno collaborato nella stesura quando ancora non si immaginava tutto questo. Ovviamente ora è stato rimodulato. Il tema dell’ascolto del grido della città diventa davvero appropriato adesso.

Obiettivo degli oratori estivi «sarà lasciare spazio alla narrazione di questi bambini e ragazzi che hanno bisogno di raccontare ed esprimere come hanno vissuto questo isolamento, manifestare disagi, la fatica, l’ansia, la sofferenza. Non deve essere una semplice assistenza sociale a questi bambini perché i genitori lavorano. Bisogna lasciarli parlare, esprimere tutto ciò che hanno nel loro cuore. Lasciarli narrare con le espressioni del gioco e delle attività che verranno proposte. Questo richiede un cuore da parte chi li accoglie. Più che dare soluzioni, bisogna far sentire loro che si è amici».


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



REPLACE_WITH_VARVY_SCRIPT