Missionari martiri, “Beati voi… Carità fino al martirio”

Ieri sera, nella Basilica di San Giovanni in Laterano, si è svolta “Beati voi… Carità fino al martirio” la veglia di preghiera della Chiesa di Roma per i missionari martiri, promossa dalla Caritas di Roma, in collaborazione il Centro di Pastorale Missionaria, nella Settimana della Carità.

missionari martiri, monsignor Angelo De Donatis
Monsignor Angelo De Donatis

A presiedere monsignor Angelo De Donatis, vicario di Papa Francesco per la Diocesi di Roma, che in una lettera, indirizzata alle parrocchie e agli istituti religiosi, aveva preannunciato: “Sarà un importante momento di preghiera e condivisione”. 

“La vita nella morte”

“Il testimone cammina come se vedesse l’invisibile. Vedere la luce nella notte, la vita nella morte”. Queste le parole con cui l’arcivescovo ha aperto la veglia di preghiera.

“Con la grazia dello Spirito il testimone ha tolto dal suo sguardo due veli: quello dell’intimismo e quello del dominio”.  “Se anche noi toglieremo questi veli dal nostro volto – ha sottolineato De Donatis ricordando l’esperienza di fede dei missionari martiri – vedremo l’invisibile, la luce nella notte”

Le testimonianze 

Non sono mancate le testimonianze. A intervenire, tra gli altri, anche padre Gabriele Petreni missionario del Verbo Incarnato (Ive). Vicario cooperatore alla parrocchia di San Paolo della Croce (impegnata questa sera in una Via Crucis vivente) vive e opera al Serpentone, nel quartiere Corviale, periferia ovest di Roma. “Come aiutare le persone a vivere la malattia non come una sconfitta? ha detto.”Sapendo di essere amici di Gesù e non emarginati dalla vita e da Dio, ma suoi prediletti”.