mercoledì , 22 novembre 2017

Menorà: culto, storia e mito in mostra tra il Museo Ebraico e i Vaticani

Al via Menorà: culto, storia e mito. La mostra si potrà visitare fino al prossimo 23 luglio nel Braccio di Carlo Magno dei Musei Vaticani e nel Museo Ebraico di Roma. Tramite un percorso fatto da circa 150 opere d’arte, si vuole  racconta la storia della Menorah, – la lampada a sette bracci, simbolo del popolo ebraico.

La Menorà

È uno dei simboli più antichi della religione ebraica. Secondo alcune tradizioni la Menorà simboleggia il rovo ardente in cui si manifestò a Mosè la voce di Dio sul monte Horeb.  Stando ad altre, invece, rappresenta il sabato (al centro) e i sei giorni della creazione.

Fatta interamente d’oro e d’un sol blocco, fu con ogni probabilità portata a Roma quando Tito conquistò la terra di Israele nel 70. A testimoniarlo il famoso bassorilievo del primo secolo scolpito nell’Arco di Tito al Foro Romano. La scena raffigura la Menorah e altri oggetti sacri che sfilano a Roma insieme ai prigionieri ebrei.

Pare che il candelbro sia rimasto a Roma fino al sacco del 455 finendo poi a Costantinopoli. Da qui, se ne perdono le tracce. La tradizione ebraica sostiene, invece, che la Menorah trafugata da Tito fosse una copia.

La mostra

La mostra vede per la prima volta la stretta collaborazione tra Musei Vaticani e Museo Ebraico. A essere esposte sculture, pitture, manoscritti e illustrazioni librarie sul simbolo del popolo ebraico. Per il progetto, organizzato negli ultimi 3 anni, sono stati concessi prestiti eccezionali dal Louvre di Parigi e dalla National Gallery di Londra, dall’Israel Museum e dalla National Library of Iasrael di Gerusalemme.

Check Also

Terme di Diocleziano, “Rinascite”: le opere salvate dal terremoto in mostra

Terme di Diocleziano, arrivano le opere da Amatrice e Accumoli Saranno in mostra al museo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X