Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Show attuale

Background

Medicina Solidale, oltre 16 mila persone assistite ogni anno a Roma

Scritto da il 30 Maggio 2017

Ogni anno a Roma, grazie al sostegno dell’associazione Medicina Solidale, si presta assistenza gratuita a oltre 16 mila persone in stato di disagio economico. Tra queste il 70% sono donne e il 30% uomini. In crescita gli italiani (40%). Il 60% è invece rappresentato da immigrati.

L’età media è di 25 anni.  A rivolgersi agli ambulatori di strada, infatti, anche 3200 bambini di età compresa tra gli 0 e i 15 anni. Tra i pazienti under 15 occorre considerare, rende noto l’associazione, “che molti provengono dai campi rom della città o dalle occupazioni disseminate su tutto il territorio comunale”.

Questi alcuni dati emersi del focus presentato oggi alla facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Tor Vergata,  nell’ambito del convegno “Scienza e Università nel contesto universitario”.

Medicina Solidale, gli ambulatori a Roma

Le attività dell’associazione di Medicina Solidale, coordinata dal direttore, Lucia Ercoli, si svolgono a Tor Bella Monaca, Tor Marancia, e in piazza caduti della Montagnola in collaborazione con l’U.N.I.T.A.L.S.I. e la Fondazione Banco Farmaceutico onlus. Un quarto ambulatorio è inoltre presente in prossimità di Regina Coeli in collaborazione con l’associazione Vo.Re.Co (Volontari Regina Coeli) e da oltre un anno anche sotto il colonnato di piazza San Pietro.

Negli ultimi mesi, poi, l’Elemosineria Apostolica della Santa Sede, ha messo a disposizione anche un camper-ambulanza per gli interventi in tutta Roma soprattutto in aree con una forte presenza di stabili occupati: dal Collatino a Tor Sapienza fino a Via Cupa.

La nostra associazione è impegnata ogni giorno, grazie all’ encomiabile lavoro dei volontari”, dichiara Franco Russo, vice-presidente di Medicina Solidale.

Obiettivo è quello di “dare una risposta concreta, direttamente sul territorio, a tantissime persone che hanno problemi di salute e, per motivi diversi, non possono o non vogliono recarsi nei circuiti istituzionali”. Il nostro auspicio, continua Russo, è che attività come la nostra “vengano riconosciute come un importante supporto al sistema sanitario nazionale. E che questo modello diventi replicabile per tutte le zone in cui parte della popolazione vive purtroppo in condizioni di indigenza”.

Taggato come

Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Per motivi di perfomance, utilizziamo Cloudflare come rete CDN. Questo salva un cookie "__cfduid" per applicare le impostazioni di sicurezza per ogni client. Questo cookie è strettamente necessario per le funzionalità di sicurezza di Cloudflare e non può essere disattivato.
  • __cfduid

Utilizziamo Quform Plugin per tutti i moduli di contatto sul nostro sito web. Questo memorizza un token di sicurezza.
  • quform

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
REPLACE_WITH_VARVY_SCRIPT