Malattie spirituali, l’incontro con Papa Francesco

Saranno le malattie spirituali, al centro del confronto tra il clero romano e Papa Francesco, il prossimo 15 febbraio. Come da tradizione, infatti, il giovedì successivo al Mercoledì delle Ceneri, i sacerdoti e i diaconi della Diocesi avranno l’opportunità di incontrare il Pontefice, nella Basilica di San Giovanni in Laterano alle ore 9.30.

malattie spirituali, de donatis
Monsignor Angelo De Donatis

A darne notizia, attraverso una lettera, il vicario generale del Papa per la diocesi di Roma, monsignor Angelo De Donatis in cui invita “tutte le comunità, in particolare le parrocchie, a trovare occasioni per confrontarsi sulle malattie spirituali” di cui si è parlato nel discorso di chiusura del Convegno diocesano, lo scorso 18 settembre: l’economia dell’esclusione; l’accidia egoista; l’individualismo comodo; la guerra tra noi; il pessimismo sterile; la mondanità spiritale.

Evangelii Gaudium: come confrontarsi

È l’esortazione apostolica di Francesco “Evangelii Gaudium”, si legge ancora nella lettera, il testo scelto per riflettere sulle malattie spirituali. In particolare, “per aiutare le comunità a vivere proficuamente questo tempo di verifica, di condivisione, di purificazione”. 

Ogni comunità potrà trovare diversi modi per confrontarsi come una settimana di esercizi spirituali parrocchiali; una o due giornate di ritiro e di condivisione. Oppure un incontro settimanale per tutta la Quaresima. Per le prefettura, invece, l’invito è quello di “organizzare entro la seconda settimana di Quaresima una messa feriale presieduta dal vescovo insieme ai collaboratori delle varie comunità” .

I risultati dovranno essere inviati al vicario attraverso i parroci e i prefetti entro la prima settimana di aprile al fine di consentire “un lavoro di sintesi da presentare al Papa in vista del prossimo Convegno diocesano”.

Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati 

In allegato alla lettera del vicario, un opuscolo dal titolo “Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati”. Redatto dal Consiglio Episcopale, presenta in sintesi la proposta alla luce di “Evangelii Gaudium” e del Convegno Diocesano 2017.

Obiettivo è quello di aiutare le comunità “a fare un esame di coscienza comunitario per correggerci e ‘prendere il largo’, con rinnovato entusiasmo, ed essere capaci di annunciare il Vangelo della Pasqua all’umanità di oggi“.

È tempo di Quaresima

Ecco, a proposito, come si stanno preparando le chiese della Diocesi in questo tempo di Quaresima. (Nella puntata di “In Diocesi” del 14 febbraio 2018, anche altri eventi di cultura nelle parrocchie romane):