Madonna della Fiducia: la festa il 10 febbraio

Come di consueto, il sabato prima delle Ceneri, quest’anno il 10 Febbraio, il Pontificio Seminario Maggiore celebrerà la festa della Madonna della Fiducia. La Santa Messa, alle ore 11.30, sarà presieduta da monsignor Angelo De Donatis, vicario del Papa per la Diocesi di Roma.

Santa Maria della Fiducia, l’icona della Refugium peccatorum

L’icona originale di Santa Maria della Fiducia è attribuibile alla scuola seicentesca del pittore Carlo Maratta. Venerata originariamente sotto il titolo di Refugium peccatorum era molto cara a Suor Chiara Isabella Fornari, badessa del monastero di S. Francesco a Todi.

“La divina Signora – scriveva suor Fornari – si è degnata di concedermi che ogni anima, che con fiducia si presenterà a questa Immagine, proverà una vera contrizione dei suoi peccati con un vero dolore e pentimento ed otterrà dal suo divinissimo Figliolo un general perdono di tutti i peccati”.

Fu il Padre gesuita Giammaria Crivelli, suo direttore spirituale, che, guarito da grave malattia dopo aver pregato davanti all’immagine mariana, a farne realizzare una copia che portò con sé al Collegio Romano, dove risiedeva.

I voti alla Madonna

Nel 1837, al diffondersi di un’epidemia di colera a Roma il Seminario era stato trasferito nella basilica di S. Appolinare. Lì i superiori emisero un voto alla Madonna della Fiducia sciolto in seguito con l’offerta di una lampada votiva e di corone d’oro poste sul capo della Vergine e del Bambino. Così la Madonna della Fiducia diventò ufficialmente la protettrice del Seminario e nel 1863, Pio IX concesse un’indulgenza per chi davanti alla sua effigie avesse recitato le Litanie Lauretane.

Il Seminario fece un secondo voto durante la Grande Guerra per la la salvezza dei suoi alunni arruolati. Di oltre cento ne morì soltanto uno. Il voto fu sciolto il 12 Maggio 1920. L’immagine di Maria fu ornata da una preziosa raggiera e s’istituì la festa in memoria della grazia ricevuta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here