Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Luceverde

17:03 17:04

Show attuale

Luceverde

17:03 17:04

Background

L’eternità nell’arte, la mostra a conclusione dell’Anno Santo

Scritto da il 7 Novembre 2016

In occasione della chiusura del Giubileo della Misericordia, sarà realizzata una mostra d’arte contemporanea dal titoloL’Eternità nell’Arte” . Le opere di quaranta artisti italiani fra i più interessanti e quotati del panorama nazionale ed internazionale saranno esposte nel complesso religioso della Basilica dei Santi Quattro Coronati a Roma. Gli artisti selezionati (figurativi, paesaggisti, informali e scultori) presenteranno due opere ciascuno sul tema dell’Eternità.  Una di esse al termine della mostra, verrà donata a Papa Francesco che, attraverso un’asta di beneficenza, potrà raccogliere fondi per le Sue personali intenzioni di Carità.

La mostra sarà inaugurata il 12 novembre alle 16 e si potrà visitare fino al prossimo 18 dicembre. Autore e direttore artistico del progetto è il critico d’arte, ideatore e promotore di ambiziosi progetti legati all’arte antica e contemporanea, Giammarco Puntelli il quale spiega che obiettivo della mostra, nell’ultima parte del Giubileo, è quello di “aiutare il pellegrino, il credente, e anche l’ateo, a riflettere su quei valori senza tempo che possano, a buon diritto, essere considerati universali e condivisi, in un’epoca dove il relativismo e l’errata interpretazione del senso di libertà, ha portato alla odierna confusione”. L’arte torna così ad assumere, nell’intento di Puntelli, la sua funzione evangelizzatrice.

L’eternità, dunque, è vista e interpretata da grandi artisti per costruire, tramite la mostra, un “ponte” che “renda servizio al senso della Misericordia e che ci spinga verso una riflessione  sui temi spirituali più elevati. Non un ritorno alla storia quindi, ma un passaggio in avanti perché, come diceva Egon Schiele, l’Arte appartiene all’eternità”.

Non a caso, la mostra sarà ospitata nella Basilica dei Santi Quattro Coronati (così chiamata per i quattro artisti della pietra “coronati” dal lauro del martirio per essersi rifiutati di scolpire una statua del dio Esculapio). Un complesso poco noto al grande pubblico, ma particolarmente apprezzato dal più raffinato turismo d’élite nazionale ed internazionale. La Basilica, del XV secolo, divenne molto nota una volta dichiarata sede pontificia da Papa Martino V. Solo dopo lo spostamento della sede papale in Vaticano, nel 1564, il complesso fu affidato alle monache di clausura Agostiniane che ancora oggi lo abitano. La Basilica è considerata una meta turistica e di pellegrinaggio anche per la presenza di alcune tra le reliquie più importanti della cristianità: quelle dei Santi titolari e di San Sebastiano che ne raccolse le spoglie.

 


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Per motivi di perfomance, utilizziamo Cloudflare come rete CDN. Questo salva un cookie "__cfduid" per applicare le impostazioni di sicurezza per ogni client. Questo cookie è strettamente necessario per le funzionalità di sicurezza di Cloudflare e non può essere disattivato.
  • __cfduid

Utilizziamo Quform Plugin per tutti i moduli di contatto sul nostro sito web. Questo memorizza un token di sicurezza.
  • quform

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
REPLACE_WITH_VARVY_SCRIPT