Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Show attuale

Background

Laudato Sì: l’esperienza cristiana di comunità ecologiche

Scritto da il 17 Maggio 2020

Laudato Sì: l’esperienza cristiana di ecologia integrale affonda le radici nelle comunità monastiche fondate da San Benedetto.

 

laudato sì

San Benedetto da Norcia

Se guardiamo alla storia dell’Europa, e soprattutto in ambito cristiano, troviamo poi delle esperienze fondamentali nel senso dell’Ecologia Integrale già in epoca medievale con la costituzione, ad iniziare da San Benedetto da Norcia di conventi e monasteri, che al di là della primaria esperienza spirituale e religiosa costituiscono dei veri e propri centri di animazione, integrazione e sviluppo dei territori dove nascono, favorendone gli scambi, la tutela, l’economia e la cultura.

 

 

Il monachesimo medievale si muove nell’argine del triplice mandato biblico: Lavorare, Pregare ed Essere in relazione. E’ scritto infatti in Genesi:  «Il Signore Dio prese l’uomo e lo pose nel giardino di Eden, perché lo coltivasse e lo custodisse» (Gn 2, 15). E nei Vangeli leggiamo il comandamento fondamentale « Amerai il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e il tuo prossimo come te stesso» (Lc 10, 27) (Mt 22,37),  che pone in relazione di amore continua e totalizzante Creatore e creature.

Laudato Sì: il motto benedettino “ora et labora”

I tre grandi assi portanti di questa esperienza comunitaria, sintetizzati dal motto di Benedetto “ora et labora” sono la preghiera comune, la preghiera personale ed il lavoro. Negli ultimi decenni la scelta ecologica della vita monastica è diventata ancora più evidente, si sono abbandonati pesticidi e prodotti chimici, impegnati nella permacultura. Convinti dell’importanza di condividere la propria conversione ecologica, molte comunità monastiche, in modo entusiastico hanno unito la regola di San Benedetto e la produzione di compost. Con una manciata di terra in ogni mano, monaci e monache estasiate curano i lombrichi che smuovono il terreno di tutti quei nuovi cumuli sui quali, presto, cresceranno le erbe che serviranno a produzioni antiche e rinnovate secondo antichi criteri di coltivazione e di produzione.

Laudato Sì: la conversione ecologica attraverso la permacultura

Si tratta per molte comunità di una vera conversione ecologica e spirituale: abbandonando i prodotti chimici, hanno scelto la permacultura, un metodo che cerca di riprodurre il funzionamento naturale dell’ecosistema. I monasteri hanno iniziato a prendere posizione per un rapporto diverso con la terra e con il lavoro, hanno ripreso lavori laudato sìartigianali e manuali per riequilibrare la vita monastica preservando competenze che rischierebbero di scomparire. “In una società in cui vogliamo sempre di più, bisogna saper accettare un lavoro artigianale, meno perfetto ma anche più umano”, si impara la cultura delle piante consociabili, cioè la cui presenza permette di rendere la terra più fertile e favorisce, senza l’aggiunta di concimi, la crescita della pianta principale. Se prima si cercava di proteggere le piante, ora ci si chiede nuovamente come nutrire il terreno. Il cambiamento è anche spirituale, come un ritorno alla tradizione, ma è già tutto nella regola di San Benedetto.


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



REPLACE_WITH_VARVY_SCRIPT