Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Show attuale

Background

Laudato Sì: La ricerca del metodo per l’Ecologia integrale

Scritto da il 19 Aprile 2020

Laudato Sì: qual’è il percorso per l’uomo sulla terra? Indaghiamo sulla ricerca di un metodo per l’Ecologia integrale

La consapevolezza del problema ecologico, seppur sentita in certa misura, sembra sfuggire alla percezione dei più come problema immediato.

Ancor meno in virtù della complessità della materia vengono percepite le cause o meglio gli elementi che concorrono casualmente al determinare il deterioramento delle condizioni del pianeta e della condizione umana in generale.

L’Enciclica Laudato Sì ne è consapevole, ed è consapevole che è necessario individuare percorsi condivisi tra tutti gli uomini, al di là degli steccati ideologici e religiosi per riportare l’articolata tematica dell’ecologia al centro della discussione. Ma con quale metodo? Come cercare vie pratiche di declinazione della crisi ecologica nel tessuto e nella sensibilità sociale delle diverse condizioni economiche e socio-culturali umane?

Laudato Sì: la sfida dell’ecologia alla riduzione degli sprechi

Pensiamo ad una economia sostenibile, o ad una alimentazione Biologica 3.0, come si sta delineando e, speriamo si concretizzerà nel breve futuro, in cui le persone oltre a consumare e scegliere cibo biologico ne diventano anche i produttori: come è possibile calare questo tipo di economia all’interno delle città, e specialmente nei centri ad alta densità abitativa dove non ci sono spazi coltivabili? Come si può vivere l’ecologia anche nelle realtà urbane?

Laudato Sì

Cibo biologico

Ma l’ecologia non si riduce solo a una mera questione di “cibo sano”, ma è anche una sfida per la riduzione degli sprechi, di materie e risorse anche umane. L’Ecologia è anche e soprattutto una questione di inclusione e di partecipazione in un contesto che non crea esclusione, barriere e stigma sociale, ma nel quale tutti sono chiamati a dare il proprio contributo. In altre parole l’Ecologia, in particolare l’Ecologia Integrale riconosce le diversità umane e biologiche come un elemento di ricchezza universale.

Cento volte al giorno, ogni giorno, io ricordo a me stesso che la mia vita, interiore ed esteriore, dipende dal lavoro di altri uomini, viventi o morti, e che io devo sforzarmi per dare nella stessa misura in cui ho ricevuto e continuo a ricevere” diceva Einstein nel 1930. Einstein  (What I Believe, Forum and Century, n. 84, 1930, p. 163)

Evidentemente non c’è una ricetta unica, ma la sfida è trovare un metodo flessibile e multidisciplinare per calare la problematica ecologica nelle scelte consapevoli delle vite, non solo di chi sceglie di abitare in un contesto più naturale, come le zone rurali, i paesi e la campagna, ma anche nelle città altamente popolate.

Inoltre ad aggravare la difficoltà della ricerca di un tale metodo c’è la convinzione diffusa, o meglio il pregiudizio che l’unica verità venga dalla scienza, che però dall’altro lato col suo metodo di ricerca ha sempre dimostrato di essere anche parziale, incompleta, temporanea, e soprattutto di parte, ovvero non sempre oggettiva come ci si aspetterebbe, soggetta ad essere finanziata tramite fondi privati, nutrendo un evidente conflitto di interesse tra la libertà di ricerca e uno sviluppo che sia economicamente remunerativo per determinati gruppi, soprattutto di potere.

Laudato Sì: Quale verità dunque per questa Ecologia?

Quale conoscenza che possa essere la più condivisa? Soprattutto in relazione alla domanda universale non ancora pienamente risolta dalla scienza: Cosa è l’uomo?

L’Enciclica ci invita alla sinergia anche con altri saperi che possano sintetizzare un dialogo efficace tra “Fede e Ragione” senza trascurare nessuna forma di ‘saggezza’ al fine di operare per il bene della ‘casa comune’. Afferma infatti: “Infine, riconosciamo che si sono sviluppate diverse visioni e linee di pensiero in merito alla situazione e alle possibili soluzioni. Da un estremo, alcuni sostengono ad ogni costo il mito del progresso e affermano che i problemi ecologici si risolveranno semplicemente con nuove applicazioni tecniche, senza considerazioni etiche né cambiamenti di fondo. Dall’altro estremo, altri ritengono che la specie umana, con qualunque suo intervento, può essere solo una minaccia e compromettere l’ecosistema mondiale, per cui conviene ridurre la sua presenza sul pianeta e impedirle ogni tipo di intervento. Fra questi estremi, la riflessione dovrebbe identificare possibili scenari futuri, perché non c’è un’unica via di soluzione. Questo lascerebbe spazio a una varietà di apporti che potrebbero entrare in dialogo in vista di risposte integrali” (Laudato Sì, 60)


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Per motivi di perfomance, utilizziamo Cloudflare come rete CDN. Questo salva un cookie "__cfduid" per applicare le impostazioni di sicurezza per ogni client. Questo cookie è strettamente necessario per le funzionalità di sicurezza di Cloudflare e non può essere disattivato.
  • __cfduid

Utilizziamo Quform Plugin per tutti i moduli di contatto sul nostro sito web. Questo memorizza un token di sicurezza.
  • quform

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
REPLACE_WITH_VARVY_SCRIPT