La vite e i tralci: il vino nella Bibbia, nella storia e nell’arte

0
493

La vite e i tralci, un viaggio tra vino e fede

Non solo Scatta in Parrocchia, Sounds Spirit Festival e la terza edizione di Cantate Inni con Arte. Tra le iniziative del 2019 l’ Ufficio per la pastorale del tempo libero, del turismo e dello sport anche il corso “La vite e i tralci. Il vino nella Bibbia, nella Storia e nell’Arte” a cura di Marco Cum, teologo, sommelier masterclass.
In programma a partire dall’ 8 gennaio alla Parrocchia di Sant’Ambrogio, a Roma, si snoderà in un “viaggio”, lungo quattro tappe, dalle origini alla modernità.
L’obiettivo è quello di mettere in evidenza lo stretto rapporto tra il vino, una delle più antiche e popolari bevande e simbolo nei momenti più importanti momenti della vita di Gesù, prendendo spunto dalle Sacre Scritture e dalla storia della Chiesa.

La storia del vino in 4 tappe

Quattro gli incontri (un martedì al mese, alle ore 20), tra storia e fede che saranno accompagnati dalla degustazione di otto vini di qualità, dal Barolo allo Champagne, dal Pinot al Franciacorta (sarà fornito un calice di degustazione personale da utilizzare nelle lezioni). Non solo. Nel corso delle serate saranno approfonditi aspetti artistici e della natura anche attraverso la proiezione di slide dimostrative.
la vite e i tralci - La vite e i tralci: il vino nella Bibbia, nella storia e nell'arteIl Signore degli eserciti preparerà un banchetto di grasse vivande (Is 25, 6-9): questo il tema del primo appuntamento durante il quale si faranno dei cenni di enologia antica, si discuterà dei monaci benedettini della Borgogna e del Cantico dei Cantici. Si andrà avanti il 5 febbraio con Juliette Colbert dalla Francia al Barolo.
Terzo incontro de “La vite e i tralci” il 5 marzo. All’ordine del giorno La vigna del Signore è il suo popolo (Sal last supper 655691 960 720 300x181 - La vite e i tralci: il vino nella Bibbia, nella storia e nell'arte79): il riflesso del vino nell’arte anche attraverso espressioni bibliche; scultura, pittura, architettura: dalle catacombe alla modernità; la Chiesa come vigna mistica: i simboli della vita rurale. Ultima tappa il 2 aprile con Le nozze di Cana (Gv 2, 1-11): il vino, simbolo della festa, che allieta il cuore dell’uomo; il vino spumante al centro delle nostre feste.
La quota di iscrizione di 80 euro andrà versata entro il 20 dicembre 2018 al seguente Iban: IT25 E05216 03229 0000000 92433 intestato al Vicariato di Roma (Credito Valtellinese) con causale: “Corso vino – Nome Cognome – Ufficio Uts”. Una ricevuta del bonifico effettuato andrà inviata al seguente indirizzo: [email protected].
Per maggiori informazioni è possibile contattare l’Ufficio per la Pastorale del tempo libero, del turismo e dello sport inviando un’ e-mail a [email protected] o telefonando al numero 351 5030787.