Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Show attuale

Background

Jekyll and Hyde, la sfida dei Reversal Symmetry. Intervista a Matteo Ferretti

Scritto da il 21 Aprile 2017

Prendere un romanzo e farlo diventare un’opera rock. È la sfida dei Reversal Symmetry, band rock progressive, che il prossimo 13 maggio, alla Stazione Birra, a Roma, si esibirà in Jekyll and Hyde. Parola d’ordine: contrasto

Jekyll and Hyde

Punto di partenza del recital, scritto in inglese, è il romanzo di Stevenson “Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde”. Dove bene e male si confondono. Dove ogni cosa vive al confine del suo contrasto. Una contrapposizione che si traduce in musica attraverso suoni differenti, prima semplici, poi via via più aggressivi. Spaziando da pezzi di metal al tango. 15 Tracce distribuite in due atti, White Side e Dark Side ci conducono, dunque, lungo questo percorso fatto di luci e ombre.

Matteo Ferretti – tastierista dei Reversal Symmetry

Lo racconta, ai microfoni di Radiopiù, Matteo Ferretti, tastierista della band, svelando  alcune curiosità riguardo ai modelli di riferimento (non solo letterari) e alla composizione dell’opera.

“Ogni personaggio”, spiega, “ha un proprio profilo psicologico, di conseguenza viene rappresentato con una melodia specifica”.

 

 

Reversal Symmetry

(Moreno Sangermano – Voice; Fabio Vitale – Guitars; Matteo Ferretti – Keyboards; Graziano Sessa – Bass guitar; Davide Miccinilli – Drums)

La band nasce dalle ceneri dei Layra, attiva dal 2006 al 2012. Ognuno dei componenti proviene da ambienti completamenti diversi. Matteo Ferretti da quello classico, Fabio Vitale da quello metal, Graziano Sessa da quello funk.  Insomma, la contrapposizione è il punto di partenza di tutto: “Venendo da posti diversi, ci mettiamo insieme e creiamo qualcosa di nuovo”. In particolare i “Reversal Symmetry nascono grazie a Jekyll and Hyde e Jekyll and Hyde nascono grazie Reversal Symmetry”, rivela ancora Matteo Ferretti che non nasconde, infatti, l’attrazione della band per il gioco degli opposti. Basti pensare che “il nostro primo album si chiama Chiaroscuro“.

“The evil inside”, una traccia audio per i nostri radioascoltatori:


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Per motivi di perfomance, utilizziamo Cloudflare come rete CDN. Questo salva un cookie "__cfduid" per applicare le impostazioni di sicurezza per ogni client. Questo cookie è strettamente necessario per le funzionalità di sicurezza di Cloudflare e non può essere disattivato.
  • __cfduid

Utilizziamo Quform Plugin per tutti i moduli di contatto sul nostro sito web. Questo memorizza un token di sicurezza.
  • quform

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
REPLACE_WITH_VARVY_SCRIPT