Incontro mondiale delle famiglie. Anche una delegazione della Diocesi presente a Dublino

0
74

Incontro Mondiale delle Famiglie in Irlanda, in programma dal 21 al 26 agosto, sarà prevista una delegazione di famiglie dalla Diocesi di Roma.

Cresce l’attesa per il IX Incontro Mondiale delle Famiglie che si svolgerà dal 21 al 26 agosto a Dublino in Irlanda. Una vera e propria festa globale della famiglia che mette al centro la bellezza di fare ed essere famiglia oggi nella Chiesa.

Secondo quanto riferisce il Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita, al momento sarebbero 22 mila le persone iscritte all’incontro, provenienti da ben 103 nazioni con il 28% dei partecipanti sotto i 18 anni.

Dunque c’è attesa nella capitale irlandese per un evento internazionale, che trasformerà per cinque giorni Dublino nella capitale della famiglia, con incontri, momenti di preghiera e di festa, seguendo il tema della gioia e dell’amore, ispirato dalla Lettera Apostolica Amori Laetitia: “Il Vangelo della famiglia: gioia per il mondo”!

Quindi il WMOF 2018 sarà prima di tutto un’occasione gioiosa e arricchente per adulti, giovani e bambini, ma soprattutto di confronto e poi incontro con Papa Francesco, che chiuderà il 26 agosto il meeting mondiale.

Ascolta l’intera intervista a mons. Manto, realizzata per la rubrica Infamiglia, andata in onda martedì 19 giugno. 

Anche una delegazione ufficiale di quattro famiglie partirà dalla Diocesi di Roma, guidata da mons. Andrea Manto, direttore del Centro per la Pastorale Familiare del Vicariato. Accanto a loro ci saranno anche altre famiglie provenienti da associazioni e movimenti presenti nella Diocesi, per questo mons. Manto ipotizza che, la delegazione del vicariato, alla fine sarà tra le più numerose.

«Non è solo un momento di preghiera -, ci spiega mons. Manto – ma soprattutto un segno per dire che la Chiesa è una “famiglia di famiglie”, il mondo è una famiglia di popoli tutti insieme con uno stile di famiglia, reciprocità e condivisione e per questo possiamo fare molto per la Chiesa e per il Mondo».

Dopo alcuni incontri con un team di famiglie, «abbiamo pensato di porteranno una serie di esperienze ed intenzioni da condividere con le realtà che incontreremo a Dublino, ma anche da affidare al Santo Padre». Un percorso di preparazione, in previsione di questo evento internazionale, ricco di incontri ed appuntamenti che il gruppo famiglie si prepara ad affrontare con una settimana di ritiro spirituale ad Arabba (Belluno), ma anche attività di preghiera, discernimento e programmazione per dare un lancio ed un impulso alla pastorale nella Diocesi di Roma.

«Bisogna raccontare la bellezza della famiglia perché sembra che la famiglia sia una realtà scontata -, conclude mons. Manto riflettendo sull’importanza di partecipare ad eventi internazionali – in realtà ogni giorno scopriamo che non è così e che ogni famiglia è un piccolo miracolo, un’isola di umanità di calore, che fa bene alla Chiesa ed ogni famiglia che rimane salda, è qualcosa da guardare con molto rispetto e gratitudine».