Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Show attuale

Background

Immacolata: Francesco prega per i poveri, i malati e i disprezzati

Scritto da il 8 Dicembre 2016

statua-immacolataUn’orazione appassionata, quella a piazza di Spagna di quest’anno, in cui il Papa affida alla Vergine Immacolata i bambini sfruttati e abbandonati, le famiglie che fanno più fatica, i lavoratori e “chi, per necessità, svolge un lavoro indegno” o “chi il lavoro l’ha perso o non riesce a trovarlo”. “Abbiamo bisogno delle tue mani immacolate – dice – per accarezzare con tenerezza, per toccare la carne di Gesù nei fratelli poveri, malati, disprezzati, per rialzare chi è caduto e sostenere chi vacilla. Abbiamo bisogno dei tuoi piedi immacolati, per andare incontro a chi non sa fare il primo passo, per camminare sui sentieri di chi è smarrito, per andare a trovare le persone sole”.

Seguono le litanie e l’antico canto mariano del Tota pulchra, “Tutta bella sei Maria”. Papa Francesco – accompagnato in questa breve tappa all’Immacolata da mons. Angelo Becciu, sostituto alla Segreteria di Stato, mons. Georg Gaenswein, prefetto della Casa Pontificia, mons. Guido Marini, maestro delle Celebrazioni Liturgiche – saluta il cardinale Fernando Filoni, prefetto di Propaganda Fide, la cui sede è a piazza di Spagna, e altri membri della Congregazione. Una stretta di mano al cardinale Vallini e alla sindaca Raggi, salutati all’inizio della visita. A quest’ultima Francesco dice: “Coraggio”.

Quindi il Papa si concede alla folla festante che intanto scatta fotografie dagli smartphone e agita rosari. L’abbraccio è soprattutto per i centinaia di disabili e malati accompagnati dai volontari Unitalsi: Bergoglio li saluta uno per uno, rivolgendo a qualcuno una pacca sulla spalla o una parola affettuosa. Come ad un’anziana su una sedia a rotelle a cui dice: “Su, non piangere”. 

Alle 16.28, il Santo Padre rientra nella utilitaria per dirigersi a Santa Maria Maggiore (i Papi precedenti vi facevano tappa prima di arrivare in piazza di Spagna). Nella Basilica liberiana il Vescovo di Roma vive un momento privato di preghiera davanti alla Salus Populi Romani, l’icona che la storiografia vuole dipinta dall’evangelista Luca, tanto cara al popolo dell’Urbe di cui è protettrice. Tanto cara è anche al Papa argentino che, dopo oggi, l’ha visitata per ben 43 volte sin dal giorno della sua elezione sul Soglio di Pietro.

Di seguito il testo della preghiera composta dal Papa:

O Maria, Madre nostra Immacolata, nel giorno della tua festa vengo a Te, e non vengo solo: porto con me tutti coloro che il tuo Figlio mi ha affidato, in questa Città di Roma e nel mondo intero, perché Tu li benedica e li salvi dai pericoli.
Ti porto, Madre, i bambini, specialmente quelli soli, abbandonati, e che per questo vengono ingannati e sfruttati.
Ti porto, Madre, le famiglie, che mandano avanti la vita e la società con il loro impegno quotidiano e nascosto; in modo particolare le famiglie che fanno più fatica per tanti problemi interni ed esterni.
Ti porto, Madre, tutti i lavoratori, uomini e donne, e ti affido soprattutto chi, per necessità, si sforza di svolgere un lavoro indegno e chi il lavoro l’ha perso o non riesce a trovarlo.
Abbiamo bisogno del tuo sguardo immacolato, per ritrovare la capacità di guardare le persone e le cose con rispetto e riconoscenza, senza interessi egoistici o ipocrisie.
Abbiamo bisogno del tuo cuore immacolato, per amare in maniera gratuita, senza secondi fini ma cercando il bene dell’altro, con semplicità e sincerità, rinunciando a maschere e trucchi. Abbiamo bisogno delle tue mani immacolate, per accarezzare con tenerezza, per toccare la carne di Gesù nei fratelli poveri, malati, disprezzati, per rialzare chi è caduto e sostenere chi vacilla.
Abbiamo bisogno dei tuoi piedi immacolati, per andare incontro a chi non sa fare il primo passo, per camminare sui sentieri di chi è smarrito, per andare a trovare le persone sole.
Ti ringraziamo, o Madre, perché mostrandoti a noi libera da ogni macchia di peccato, Tu ci ricordi che prima di tutto c’è la grazia di Dio, c’è l’amore di Gesù Cristo che ha dato la vita per noi, c’è la forza dello Spirito Santo che tutto rinnova.
Fa’ che non cediamo allo scoraggiamento, ma, confidando nel tuo costante aiuto, ci impegniamo a fondo per rinnovare noi stessi, questa Città e il mondo intero.
Prega per noi, Santa Madre di Dio!

(da www.zenit.org – articolo di Salvatore Cernuzio)

Taggato come

Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Per motivi di perfomance, utilizziamo Cloudflare come rete CDN. Questo salva un cookie "__cfduid" per applicare le impostazioni di sicurezza per ogni client. Questo cookie è strettamente necessario per le funzionalità di sicurezza di Cloudflare e non può essere disattivato.
  • __cfduid

Utilizziamo Quform Plugin per tutti i moduli di contatto sul nostro sito web. Questo memorizza un token di sicurezza.
  • quform

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
REPLACE_WITH_VARVY_SCRIPT