Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

In Città

07:36 07:39

Show attuale

In Città

07:36 07:39

Background

Il volto di Cristo e il suo significato cristologico

Scritto da il 4 Luglio 2019

Qual è il senso cristologico della rappresentazione del Volto di Cristo?

I racconti biblici e il linguaggio della Scrittura costituiscono la base della simbolica cristiana del primo millennio e aiutano a comprendere lo sviluppo dell’iconografia cristiana, la quale possiede le condizioni fondamentali del pensare Dio secondo verità, definitivamente rivelata in Gesù Cristo, annuncio di un Dio personale, soggetto relazionale, fondamentalmente differente dal Dio oggettivo potente, racchiuso nella propria autonomia. Il Dio che abita le pagine della Bibbia desidera mostrare il proprio Volto, donare la propria verità nella relazione amicale: non si tratta di un mero contenuto al quale aderire, cosa che la Scrittura d’Israele, così come il Secondo Testamento, tende a rilevare in maniera dilagante e intransigente.

L’immagine personale del Dio biblico è palesemente antitetica a quella delle divinità delle religioni naturalistiche e possiede un’evidenza senza eguali nel confronto con le altre religioni e culture anteriori e contemporanee. La deità non è autosufficienza sprezzante verso la creatura umana perché è interamente rivolta alla storia dell’uomo. Non è l’uomo a creare questa immagine antropomorfa di Dio, ma essa si rivela nella vocazione costitutiva il volto di cristo dell’alleanza, della chiamata alla somiglianza, alla relazione amicale, alla comunione sponsale.  Al centro del Primo Testamento, nel Cantico dei Cantici, tutto questo è attestato e confermato. Ciò che Dio è, l’uomo lo diventa attraverso l’obbedienza al comandamento che ha al centro l’amore gratuito, espressione singolare della pura alterità. L’immagine del Cristo, cioè la sua rappresentazione figurativa, è perciò un tema teologico legato al mistero della creazione e della redenzione dell’uomo.

È possibile parlare di Cristo a partire dalle immagini che lo rappresentano?

La risposta positiva a questa domanda diventa sostenibile se si tiene presente il secondo Concilio di Nicea. Alla luce delle moderne e recenti ricerche scientifiche, l’immagine impressa misteriosamente sulla Sindone può essere definita acheropita. L’affermazione però, tutt’altro che risolutiva, aumenta le domande e in certo senso amplifica le questioni irrisolte. Coloro che ritengono la Sindone un enigma non sono in errore. Quest’affermazione non è utilizzata al fine di creare un alone di mistero intorno all’oggetto, ma è il volto di cristo scientificamente legittima in quanto non è stato ancora possibile stabilire, in nessun modo, come e perché quell’immagine sia rimasta impressa sul telo e come mai sia impossibile riprodurne le caratteristiche microscopiche. Finanche l’utilizzo dei moderni sistemi tecnologici si è dimostrato insufficiente allo scopo. Non deve quindi sorprendere che si parli di un’immagine particolare e misteriosa. Essa mostra un corpo umano, martoriato nella carne, del quale colpisce particolarmente il volto. Possiede innumerevoli punti di convergenza e di congruenza con le narrazioni dei vangeli canonici e con quanto la Tradizione Cristiana ci ha fatto conoscere della vicenda terrena del Figlio di Dio.

Il volto di Gesù Cristo e la Sindone

La Sindone rimanda chiaramente al Gesù dei vangeli e questo consente alla cristologia di rappresentare il quadro di riferimento fondamentale per la ricerca. L’attualità del dibattito intorno al Gesù storico non ha per nulla sopito le tendenze negazioniste che invece, per certi versi, si sono acutizzate e radicalizzate, pur consentendo alla cristologia, disciplina chiaramente diversa rispetto alla storia, di riflettervi sistematicamente. Le cristologie, pur tenendo conto di questa differenza, non possono esimersi dal confronto con le istanze della storicità. La ricerca continua, complessa e frammentata trova unità armonica solo in una fede e in una teologia critica che riescano a dare unità plausibile alla complessità e varietà della ricerca. Gesù è un evento unico, che è di là dell’ordinario e al quale solo con umiltà critica la scienza storica, si può avvicinare.

 

Ti consigliamo anche di leggere: Il volto dell’uomo della Sindone: sorgente per una nuova umanità


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Per motivi di perfomance, utilizziamo Cloudflare come rete CDN. Questo salva un cookie "__cfduid" per applicare le impostazioni di sicurezza per ogni client. Questo cookie è strettamente necessario per le funzionalità di sicurezza di Cloudflare e non può essere disattivato.
  • __cfduid

Utilizziamo Quform Plugin per tutti i moduli di contatto sul nostro sito web. Questo memorizza un token di sicurezza.
  • quform

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
REPLACE_WITH_VARVY_SCRIPT