Il tempo, luogo dell’unità della persona

0

Il tempo che cos’è? Padre Gaetano Piccolo Sj, cerca di dare una risposta a questa domanda nella quinta puntata di Aperidea. In questa prima settimana di Avvento ci soffermiamo a riflettere su questa domanda importante per ogni persona, perché il tempo è un modo di vivere le cose.

Tra le cose più irrecuperabili della nostra vita c’è il tempo!

Le cose passate non ritornano più. Possiamo rievocarle grazie alla memoria, possiamo conservarne traccia, ma ciò che è stato non torna più. Le cose si dileguano, i giorni passano, e ci salutano nella loro irriproducibilità. Ogni attimo è unico, non ne esiste un altro uguale.

Ascolta l’intera puntata di Aperidea andata in onda lunedì 3 dicembre 

Ogni istante va vissuto quindi come l’occasione propizia per vivere, perché ogni istante ha qualcosa da regalarci. Sebbene segniamo il tempo attraverso gli orologi e i calendari, facciamo un’esperienza molto variegata del tempo, un’esperienza molto soggettiva. Certe situazioni, soprattutto spiacevoli, ci sembrano interminabili, mentre i momenti belli, a cui non vorremmo rinunciare, sembrano scorrere con una velocità sorprendente. La percezione interna del tempo non corrisponde dunque alla misurazione oggettiva del tempo.

Il tempo è quindi anche un modo di vivere le cose.

Come sperimentiamo il tempo passato attraverso la memoria, così facciamo esperienza degli eventi futuri attraverso l’attesa: la paura o la speranza che viviamo oggi è in gran parte riferita a ciò che deve venire. Il tempo è quindi fondamentalmente dentro di noi. È nel nostro presente che prendiamo consapevolezza e costruiamo il passato e il futuro.

È il tempo quindi che ci permette di prendere consapevolezza della nostra esistenza, anzi il tempo è il luogo dell’unità della persona. Nel nostro presente, troviamo anche il punto di riferimento del passato e del futuro. È a partire dal presente che passato e futuro trovano la loro consistenza.

Oggi siamo il frutto del nostro passato e del nostro futuro. Il passato ci modella così come le paure e le speranza verso il futuro danno il tono al nostro presente.

Esercizio: cosa sento, quando cerco di fare memoria dei ricordi più importanti del mio passato? Cosa sento quando penso al mio futuro immediato e a quello più lontano?