Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Show attuale

Background

Il Santo Padre a Ostia: “Rimanere in Cristo”

Scritto da il 3 Maggio 2015

L’ormai classica visita imprevista, stavolta alla cosiddetta Fraternità del Luna Park delle Piccole Sorelle di Gesù di Charles de Foucaluld, e quindi l’arrivo alla parrocchia Santa Maria Regina Pacis di Ostia. Papa Francesco ha così aperto il pomeriggio di domenica 3 maggio, rivolgendosi anzitutto ai malati e agli anziani, riconoscendosi anche lui come malato e anziano: “Gli anziani hanno l’esperienza della vita – ha detto rivolgendosi a un gruppo di anziani della parrocchia –  e ci danno anche la memoria, la memoria del nostro popolo, la memoria della famiglia. E’ tanto importante camminare con una memoria. E gli ammalati, ma assomigliano tanto a Gesù: soffrono come Gesù e portano la croce come Gesù. Voi siete privilegiati in questo senso. Ringraziamo il Signore che in questa comunità siano curati gli ammalati e gli anziani. Quando in una comunità non sono curati, quella comunità non va bene, manca qualcosa”.

Il Santo Padre ha poi incontrato gli scout, le giovani famiglie e quindi ha celebrato la Santa Messa. Nell’omelia si è soffermato sul tema del “rimanere in Cristo”, essenza della vita cristiana: “Ogni tralcio che non è unito alla vite finisce per morire – ha ricordato – non dà frutto; ma rimanere in Gesù significa essere unito a Lui per ricevere la vita da Lui, l’amore da Lui, lo Spirito Santo da Lui. E’ vero, tutti noi siamo peccatori, ma se noi rimaniamo in Gesù, come i tralci con la vite, il Signore viene, ci pota un po’, perché noi potessimo [si possa] dare più frutto. Lui sempre ha cura di noi. Ma se noi ci stacchiamo da lì, non rimaniamo nel Signore: siamo cristiani a parole soltanto, ma non di vita; siamo cristiani, ma morti, perché non diamo frutto, come i tralci staccati dalla vite”. 

Rimanere in Gesù, ha spiegato Francesco, lo si può nella costanza della preghiera, nell’obbedienza ai comandamenti, in una fede sincera: “Gesù è buono, ci invita a rimanere in Lui. Lui ci dà la forza e se noi scivoliamo in peccati – ma tutti siamo peccatori – Lui ci perdona, perché Lui è misericordioso. Ma quello che Lui vuole sono queste due cose: che noi rimaniamo in Lui e che noi non siamo ipocriti. E con questo una vita cristiana va avanti. regare il Padre, curare gli ammalati, aiutare i poveri, avere la gioia dello Spirito Santo”.

Taggato come

Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



REPLACE_WITH_VARVY_SCRIPT