Aperidea. I valori cosa sono?

0

I valori cosa sono, come li riconosciamo e apprendiamo nella nostra vita? Queste domande sono al centro del settimo appuntamento della rubrica Aperidea a cura di padre Gaetano Piccolo Sj.

 

A volte ci rendiamo conto che anche se abbiamo dei desideri non riusciamo a partire per concretizzare quello che vogliamo. In effetti il desiderio ci dà di solito un’indicazione generica. Il desiderio è il motore che ci spinge, ma molte volte rischiamo di rimanere con il motore acceso senza partire mai.

La riflessione sui valori è al centro di questa settimana della rubrica Aperidea. Ascolta l’intera puntata andata in onda lunedì 17 dicembre.

Mettiamo il caso che io voglia aiutare gli altri, questo è il desiderio che mi porto dentro. Mi trovo però davanti diverse possibilità, ci sono cioè diversi modi in cui posso concretizzare quel desiderio iniziale. Potrei per esempio provare a lavorare per una organizzazione non governativa, potrei fare l’assistente sociale, potrei fare l’insegnante, il prete o il tecnico sportivo. La gamma è molto ampia. Da cosa dipende allora la scelta? È davanti a questa domanda che scopriamo l’importanza dei valori.

I valori sono realtà ideali che indicano la direzione concreta da intraprendere. In quanto realtà ideali, essi stanno sempre un po’ più avanti, cioè non li raggiungiamo mai in modo definitivo. In genere, non siamo del tutto consapevoli dei valori che per noi sono importanti. Per lo più essi agiscono in maniera inconscia.

I valori vengono appresi mediante l’educazione, attraverso la cultura, dipendono dagli ambienti che frequentiamo. Ad ogni modo l’ambiente esterno è solo un input alla formazione dei valori. Siamo sempre noi che in maniera più o meno consapevole, scegliamo di ispirare le nostre scelte a certi valori piuttosto che ad altri. Per scoprire quali sono i nostri valori, possiamo provare a rileggere le scelte importanti che abbiamo fatto nella nostra vita. Molto probabilmente scoprire che esse erano tutte ispirate ad alcuni valori che sono ritornati con maggiore frequenza. Davanti ad alcune situazioni, possiamo anche sperimentare un conflitto di valori: prendiamo il caso di uno studente che scopre che un suo amico ha copiato la tesi che ha presentato.

Lo studente sarà probabilmente combattuto tra il valore dell’onestà che vorrebbe perseguire e il valore dell’amicizia che vorrebbe salvaguardare. Questi sono i casi più difficile in cui ci troviamo a scegliere, dal momento che proprio il valore principale dovrebbe aiutare a concretizzare la scelta. In questi casi è difficile infatti stabilire una priorità. Capiamo quindi che non esistono persone senza valori: per quanto semplici, rozzi o discutibili, tutti noi, dal momento che non possiamo fare a meno di scegliere nella nostra vita, abbiamo inevitabilmente dei valori a cui ci ispiriamo.

Esercizio: prova a scrivere una lista dei cinque valori che per te sono più importanti. Successivamente cerca di metterli in ordine di preferenza. Probabilmente ti accorgerai che il valore che hai messo al primo posto è quello che ha ispirato maggiormente le tue scelte fino ad oggi.