Gmg Panama, la bellezza del cammino verso il Signore

0
pastorale giovanile, giovani

Gmg Panama, la “rivoluzione” del servizio

“Ecco la serva del Signore. Avvenga per me secondo la tua parola (Lc 1,38)”. È il tema della 34esima Giornata Mondiale della Gioventù (Gmg) in programma a Panama fino al 27 gennaio. Un messaggio incastonato nel logo disegnato da una studentessa di architettura dell’Università panamense: Maria racchiude 512px LOGOTIPO JMJ2019 HORIZONTAL.svg  300x149 - Gmg Panama, la bellezza del cammino verso il SignoreGesù, simboleggiato da una croce, in un abbraccio.

Si tratta della “rivoluzione del servizio”, aveva spiegato lo scorso novembre il Pontefice. Del “coraggio di mettersi in dialogo con il Signore, il coraggio di dire sì”. “Lasciate che il Signore vi parli, e vedrete la vostra vita trasformarsi e riempirsi di gioia” il monito lasciato ai giovani.

Anche 17 giovani dalla parrocchia di San Barnaba di Roma

Nel logo sono stilizzati anche il canale, uno dei simboli del Paese e cinque puntini bianchi che simboleggiano i cinque continenti. Provengono infatti da tutto il mondo i circa 250 mila i giovani che daranno il benvenuto a Papa Francesco.

Tra di loro anche 17 ragazzi della parrocchia romana di San Barnaba. A raccontarci qualcosa in più dell’esperienza che si apprestano a vivere è Agnese Palmucci, di Azione Cattolica e voce di InformaAc, che nei prossimi giorni documenterà tramite video e foto, sui canali social di Radiopiù, la Giornata Mondiale della Gioventù di Panama.

“Sarà molto bello, le attese sono molte” ci dice. Tutte le fatiche saranno ripagatda grandi momenti di fede e di entusiasmo e passione. Siamo lì per incontrare la Chiesa universale. Questo ci riempe di gioia e forza. E il ritorno non sarà un punto di fine, ma di inizio. Porteremo la grande bellezza del cammino verso il Signore nelle nostre parrocchie e nella nostra città che ha bisogno di riscoprire la bellezza di una vita piena”.

“Poi è bello pensare che siamo di Roma e raggiungiamo il nostro vescovo dall’altra parte del mondo”. Con il Papa si vivranno particolari momenti come la Via Crucis del venerdì, (un “momento molto intenso, c’è sempre qualcosa di nuovo in base al luogo”) la veglia del sabato sera, (“si faranno tanti chilometri a piedi, ma i momenti più belli sono sempre preceduti da un cammino”).

Domenica, inoltre, i ragazzi di San Barnaba poi non torneranno subito a Roma ma andranno in Costarica per dei giorni di missione in alcune famiglie: “Sarà bello sperimentare diversi modi di vivere la fede e la quotidianeità”.

Ascolta le parole di Agnese:

Gli appuntamenti principali

Nei prossimi giorni, Papa Francesco affronterà diversi temi legati alla vita del Paese: la povertà, il traffico di droga, la corruzione, l’ambiente, l’immigrazione.

Venerdì 25 gennaio, al Centro de Cumplimento de Menores Las Garzas de Pacora, incontrerà 200 giovani detenuti e confesserà alcuni di loro. Sabato 26 presiederà la Messa con la dedicazione dell’altare della cattedrale papa giovani 1 - Gmg Panama, la bellezza del cammino verso il Signorebasilica di Santa Maria la Antigua con sacerdoti, religiosi e movimenti laicali. In serata (circa mezz’ora dopo la mezzanotte) presiederà la veglia con i ragazzi nel Campo San Juan Pablo II – Metro Park.

Il 27 gennaio, giorno conclusivo della Gmg, dopo la Messa delle 8 di mattina (sempre nel Campo San Juan Pablo II al Metro Park), Francesco si recherà alla Casa Hogar del Buon samaritano per incontrare giovani disabili e malati di Aids.