GMG 2019: il ricordo ad un mese dall’evento di Panama

0

GMG 2019: ad InformAc ascoltiamo le parole della nostra collaboratrice, Agnese Palmucci, che ha partecipato alle giornate di Panama di gennaio

Trascorsa qualche settimana dalla GMG di Panama (22-27 gennaio 2019), ad InformAc proponiamo un approfondimento sulle tematiche che hanno guidato i giovani di tutto il mondo cattolico durante la grande festa insieme a Papa Francesco: lo facciamo grazie ad Agnese Palmucci, collaboratrice del  programma radio e Consigliere diocesano del Settore Giovani dell’Ac di Roma, che ha partecipato appunto alla GMG insieme ad un gruppo di giovani della diocesi romana.

Per Agnese, Panama 2019 è stata la quarta GMG, che definisce senz’ombra di dubbio la grande festa della fede che ridà ad ogni partecipante la carica giusta, la grinta e la gioia infinita di portare poi a tutti, una volta rientrati a casa, la Buona Notizia del Signore Risorto. In particolare, questa volta, il tema che ha animato le attività è stato il versetto del Vangelo dell’Annunciazione “Eccomi, avvenga di me quello che tu desideri”, frase con cui Maria ha cambiato la storia del mondo: «Il papa– racconta Agnese -ha insistito sul fatto che noi giovani (ma non solo!) dobbiamo calare questa frase nelle nostre vite, farla nostra nella realtà che viviamo. Solo con questa predisposizione d’animo, solo con l’adesione al progetto di Dio, la vita di ciascuno di noi potrà essere bella e piena, anche se non sarà “perfetta” come ce l’eravamo immaginata, cioè anche nelle inevitabili difficoltà che fanno parte del cammino di tutti». Una delle tentazioni d’oggi è voler cercare a tutti i costi di programmare, controllare e pianificare ogni fase della nostra vita: Papa Francesco ha ricordato che affidandosi al Signore, mettendosi nelle Sue mani, le paure rispetto al fallimento, rispetto alla croce, assumono un altro aspetto e significato. «Dire di sì a Dio– continua Agnese -è accettare di far parte di una storia d’amore che si rinnova misteriosamente ogni giorno, anche davanti alla sofferenza, alla malattia, alla guerra». Una delle grandi sfide per i giovani di oggi è proprio cercare di vivere autenticamente la fede, cioè scegliere sempre Cristo, in un tempo dove la cultura dello scarto, dell’usa e getta, dell’arroganza e dell’apparenza si propone subdolamente a tutti, cercando di “incantare” i più giovani soprattutto: Papa Bergoglio, durante la Veglia dell’ultima sera della GMG, ha messo in guardia da chi offre facili e rapide strade per affrontare le complessità della vita, fatte di barriere, pregiudizi, paura dell’altro e del diverso, che rischiano di “far evaporare nel nulla”, per usare ancora le parole del Papa, la propria esistenza, svilendola e togliendole il senso più profondo.

 Ascolta l’intera puntata di InformAc andata in onda giovedì 21 febbraio 

«Non per niente- riprende Agnese –Papa Francesco ha definito noi giovani, nel documento finale del Sinodo dei Giovani, che si è svolto a Roma dal 3 al 28 ottobre 2018, come “luogo teologico”, ed è quello che ha ribadito a Panama, riprendendo questo concetto tra le righe: noi stessi ci siamo sentiti e ci sentiamo un “luogo” privilegiato dove il Signore agisce, se gli si dà la possibilità di farlo. Lo Spirito del Signore può davvero parlare ai giovani e tramite i giovani in maniera speciale, rivolgendosi agli uomini d’oggi per raccontare il tempo che verrà». Un legame profondo, dunque, tra le riflessioni che il Papa ha proposto alla GMG 2019 e i lavori sinodali, che Agnese vede anche riflesso nel comportamento e nello stile di vita e di testimonianza dei giovani americani incontrati e ascoltati durante il viaggio a Panama: «La GMG è anche un’occasione per immergersi nei diversi modi che hanno i nostri coetanei di tutto il mondo di vivere la fede: ad esempio, i giovani americani sono in profonda sintonia con le vicende del loro popolo, le conoscono approfonditamente, ne colgono i diversi aspetti e le seguono in maniera vivace. Sono in grado di raccontare a tutti le sfide che sono chiamati a vivere, le sanno leggere anche nella prospettiva della fede e questo non è banale per dei giovani d’oggi. Conoscendoli, noi giovani di Roma ci siamo lasciati provocare e ci siamo chiesti se noi italiani, giovani e meno giovani, siamo in grado di raccontare le problematiche della nostra Italia di questi anni e se abbiamo qualche sogno per la nostra terra». Una suggestione di respiro politico e sociale quella che Agnese, dunque, si porta a casa dalla GMG, insieme ai tanti momenti di festa, preghiera e gioia: quella cioè di poter vivere, e poter aiutare a vivere gli altri giovani italiani, con maggiore consapevolezza e in un’ottica di ampio respiro tutte le sfide che il nostro Paese sta affrontando perché nelle piccole, come nelle grandi cose,  «siamo noi gli strumenti della realizzazione dei sogni di Dio per un presente di pace, fraternità tra tutti gli uomini, rispetto e giustizia».

 

Appuntamenti e news

Dall’1 al 3 marzo il Settore Giovani di AC, in collaborazione con il GIOC e il Movimento Lavoratori di AC, organizza a Roma presso la Domus Mariae un seminario intitolato “Fondata sul lavoro. Un viaggio tra cambiamento e opportunità nel mondo del lavoro” per riflettere sul complesso binomio fra giovani e lavoro. Tutte le informazioni si trovano sul sito dell’Azione Cattolica nazionale (http://azionecattolica.it/fondata-sul-lavoro).

Si segnalano poi due appuntamenti in particolare proposti dall’Azione Cattolica per il tempo di Quaresima: presso la casa San Girolamo di Spello, vengono organizzati dei ritiri nei fine settimana intitolati “Il luogo e il tempo dello Spirito”. In particolare, ricordiamo l’appuntamento aperto ai giovani sposi dell’8-10 marzo, che sarà tenuto da don Tony Drazza, sul tema “Al chiaro di luna. L’amore riletto sotto una luce speciale”; in secondo luogo, ricordiamo anche l’appuntamento del 15-17 marzo con don Ugo Ughi sul tema “Conformati a Cristo. La misura alta della vita quotidiana”. Per iscriversi ai ritiri e conoscere tutti i dettagli, si può consultare la pagina web casasangirolamo.azionecattolica.it, oppure scrivere all’indirizzo email [email protected]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here