Si apre oggi, con la partecipazione all’udienza generale di Papa Francesco in piazza San Pietro, il Giubileo d’Oro del Rinnovamento carismatico, che celebra i suoi 50 anni. Oltre 30 mila le persone da tutto il mondo attese a Roma. “La cosa più importante del Rinnovamento carismatico è portare alla gente il battesimo nello Spirito”, ha ricordato Gilberto Barbosa, presidente della Catholic Fraternity. “Questo Giubileo è una testimonianza di questo cammino”.

In programma incontri, simposi e laboratori in varie basiliche nel centro di Roma. A cominciare dalle basiliche di Santa Maria Maggiore e San Giovanni in Laterano, dove domani è fissato l’incontro con i giovani. Ma anche momenti di preghiera, di adorazione eucaristica, concerti, conferenze ed evangelizzazione per le strade della città.

Le celebrazioni eucaristiche saranno presiedute dai cardinali Stanislaw Rylko, Paul Josef Cordes, Kevin Joseph Farrell e dal vescovo Gzegorz Rys.

Giubileo d’Oro: la veglia di Pentecoste al Circo Massimo

Nella serata di venerdì 2 giugno, al Circo Massimo, in programma oltre tre ore di preghiera comunitaria. Ma non solo. Ci saranno anche canti, testimonianze, riflessioni, la celebrazione eucaristica e gli interventi dei testimoni delle origini del Rinnovamento. Momento culminante del Giubileo d’Oro è la veglia di Pentecoste, nel pomeriggio di sabato 3 giugno, sempre al Circo Massimo, con il Papa. Il Santo Padre arriverà alle ore 18 e presiederà la preghiera ecumenica. Prima di lui, gli interventi di padre Cantalamessa e del pastore Traettino.

Domenica 4 giugno, infine, la messa di Pentecoste in piazza San Pietro. Sia sabato 3 che il giorno dopo, in piazza San Pietro, ci sarà un apposito settore riservato ai poveri. Ad annunciarlo Michel Moran, presidente dell’Iccrs (International Catholic Charismatic Renewal Services). “Il Santo Padre ci chiama tutti ad essere inclusivi”, ha precisato. “C’è già un gruppo del Rinnovamento carismatico che si occupa dei poveri intorno al Vaticano, porteranno con loro i loro amici”.