In preparazione al Giubileo dei malati, in programma dal 10 a l 12 giugno, l’Istituto internazionale di teologia pastorale sanitaria Camillianum della Pontificia Università Lateranense promuove per il 24 e il 25 maggio a Roma il convegno “Dio è misericordia: testimoni in nome di Dio”.

Obiettivo dell’incontro, spiegano gli organizzatori, è quello di “esaminare il linguaggio della misericordia che non si oppone a quello della giustizia e dei diritti, ma è la terapia contro l’esclusione, la disgregazione, la violenza, l’emarginazione”.

Tre le sessioni in cui è strutturato il convegno: 1) Il nome di Dio è Misericordia; 2) La misericordia di fronte alle necessità dell’uomo contemporaneo; 3) Il pastore sanitario come missionario della misericordia, in modo da coniugare la riflessione teologica, antropologica ed etica con l’impegno pastorale per un mondo che sia luogo del Vangelo.

A intervenire monsignor Rino Fisichella, presidente Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione; Antonio Pitta, ordinario di Nuovo Testamento, Pontificia Università Lateranense; Andrzej Wodka, preside Accademia Alfonsiana; monsignor Mauro Cozzoli, ordinario di teologia morale, Pontificia Università̀ Lateranense; monsignor Giancarlo Perego, presidente Fondazione Migrantes della Cei; monsingor Lorenzo Leuzzi, Vescovo incaricato della pastorale della salute per la diocesi di Roma.