venerdì , 20 ottobre 2017

Giovani. Processione mariana per il centro di Roma

“Giovani in cammino”, processione mariana lungo le strade della movida romana.

L’iniziativa, voluta dal Centro San Lorenzo in collaborazione con la Diocesi di Roma, si è svolta sabato 7 ottobre a partire dalle 20,30 nel quartiere Monti di Roma.

NON UNA SEMPLICE PROCESSIONE

Non è stata una semplice processione quella si è svolta sabato scorso nel quartiere Monti, ovvero uno tra i quartieri più frequentati dalla movida della capitale. Centinaia i giovani che si sono dati appuntamento a Largo Corrado Ricci (Fori Imperiali) per poi partire alla volta della chiesa di Santa Maria ai Monti, portando a spalla l’immagine della Madonna conservata nella Basilica dei Ss. Silvestro e Martino ai Monti.

I giovani in processione

I giovani, accompagnati dai padri carmelitani e dalla Comunità Emmanuel, che gestisce il Centro San Lorenzo voluto da San Giovanni Paolo II nei pressi del Vaticano, hanno camminato, pregato e cantato tutti insieme, portando anche la croce della Gmg, simbolo per eccellenza delle giornate della gioventù.

LE TESTIMONIANZE

Luigi Funari Funzionario di Polizia

Prima tappa della processione la chiesa di Santa Maria ai Monti su via dei Serpenti, dove, dopo la proclamazione del Vangelo, è stata ascoltata la testimonianza sull’importanza dell’accoglienza di Fr. Massimo Fusarelli OFM, Responsabile del Progetto di Ripa dei Settesoli, comunità francescana che accoglie persone in difficoltà e in cui vivono frati francescani insieme alle persone accolte.

La processione è poi proseguita verso la chiesa di San Lorenzo in Panisperana. Qui i giovani hanno sostato di fronte alla chiesa incontrando Luigi Funari, diacono permanente nonché funzionario di Polizia di Stato, che ha fatto una riflessione sui disagi giovanili, ricordato ai ragazzi i rischi del mondo di internet e di come  essere “testimoni credibili, perché i social network non sono il mondo reale”.

LA CELEBRAZIONE EUCARISTICA FINALE

I pellegrini poi hanno proseguito verso San Maria Maggiore lungo via Merulana, alla volta della Basilica di Ss. Silvestro e Martino ai Monti, il cuore del carmelo di Roma, dove sono stati accolti da mons. Gianrico Ruzza, vescovo ausiliare del settore centro.

Mons. Gianrico Ruzza

Il segretario generale del vicariato ha celebrato la messa a conclusione della processione e nel guardare i numerosi giovani che affollavano la chiesa ha affermato: “voi siete l’espressione della speranza e di quanto desiderio di Dio ci sia nonostante una cultura laica imperante”. Quella speranza da portare anche ai tanti giovani che affollano la movida romana e questo “camminare per le strade, ricordare le fragilità dei coetanei e come una mano sollevarli”. Ed ha espresso il desiderio che “proprio da una serata come questa possa nascere la voglia di andare verso quei giovani lontani, in luoghi simbolo di Roma, come Campo dei Fiori”.

 

Una serata colma speranza, in cui si respirava gioia, una processione raccolta e molto vissuta, che traspirava dai tanti giovani che hanno scelto di vivere un sabato sera diverso. Noi abbiamo incontrato la responsabile dell’accoglienza del Centro San Lorenzo, Morgane Brett, che ci ha spiegato come è nato questo evento in occasione del centenario dell’apparizione della Madonna di Fatima.

Ascolta l’intera puntata di In Diocesi andata in onda lunedì 9 ottobre!

 

Check Also

“Humanae vitae”, alla Gregoriana un ciclo di lezioni sulla famiglia

Humanae vitae: i 50 anni dell’enciclica Al via alla Pontificia Università Gregoriana un ciclo di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X