Giornata Mondiale dell’Acqua. La lezione della LaudatoSì

0
60

Giornata Mondiale dell’Acqua, formazione ed approfondimento alla luce dell’Enciclica LaudatoSi

Il 22 marzo si celebra la Giornata mondiale dell’Acqua, istituita nel 1992 dalle Nazioni Unite. L’evento è pensato per promuovere la riflessione in merito a problematiche, come appunto quella della scarsità idrica, che non consentono all’essere umano una vita dignitosa.

Ancora oggi circa 2 miliardi di persone vivono senza avere accesso diretto all’acqua potabile. Questa ricorrenza si lega appunto ad una serie di attività mirate alla diffusione di buone pratiche, per raggiungere uno dei risultati previsti dagli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (2015). L’Obiettivo 6 prevede proprio di garantire la disponibilità e la gestione sostenibile delle risorse idriche e servizi igienico-sanitari per tutti entro il 2030.

Il tema dell’edizione 2018 della Giornata mondiale dell’Acqua ha come titolo “La risposta è nella natura” e ad InformAc abbiamo scelto di leggere tutto questo alla luce della LaudatoSì. Lisa Buonanno ha chiesto a Don Giorgio Nacci di raccontarci il ciclo di incontri sull’Enciclica papale promosso dall’Azione Cattolica parrocchiale a San Clemente lo scorso anno. Agnese Palmucci, invece, ci propone alcune suggestioni nate dalla lettura della LaudatoSì a San Barnaba, durante i Friday Cafè 2018.

Ascolta l’intera puntata di InformAc andata in onda giovedì 22 marzo!

Cura del Creato

Inizia Don Giorgio: « “Educare alla casa comune” è stato il titolo del nostro percorso di riflessione personale sull’Enciclica, vissuto proprio da una prospettiva “educativa”, a partire dal cap. 6, “Educazione e spiritualità ecologica”. Il percorso si è svolto in sette incontri, aperti a tutta la comunità. È intervenuto anche Giuseppe Notarstefano, vicepresidente nazionale per il settore adulti di Ac, che ha aperto il ciclo di incontri  introducendo i temi e poi, in conclusione, ha legato insieme tutti i contenuti nati dai lavori di gruppo. Il cammino, infatti, è stato per lo più laboratoriale, partendo dalle esperienze reali delle persone, lasciandoci illuminare dalle parole del Papa. Dai laboratori abbiamo cercato di identificare degli atteggiamenti concreti da poter vivere nella vita personale. Tra gli altri temi la chiave di lettura principale è stata, però, quella che il Papa chiama la “conversione ecologica”: il diverso modo di vivere il rapporto con mondo e le relazioni ha a che fare con la conversione interiore. L’idea di fondo di questo percorso, infatti, era proprio quella di smuovere qualcosa nella vita personale delle persone, senza approcci “intellettuali”».

Agnese parte invece da un altro punto di vista: «Nel cap. 66 Papa Francesco ci ricorda come le Sacre Scritture ci invitino a “coltivare e custodire il giardino del mondo”: “custodire” vuole dire proprio “proteggere”, “curare”. L’immagine che mi torna in mente, nella riflessione su questi passi dell’Encliclica, è proprio quella di un giardino e del suo attentissimo giardiniere. Per custodire il Creato ci viene chiesto di indossare gli occhiali di Dio, il più abile dei “Giardinieri”, e con questo sguardo di vedere, sognare, raccontare il visibile, l’invisibile e il sognabile. Questo giardino di cui si parla è essenzialmente tutta l’esistenza che ci vive attorno: gli uomini, le donne, le situazioni. Come giardinieri di Dio siamo i diretti responsabili, primi testimoni di speranza, bellezza e meraviglia. Il giardiniere di Dio semina, innaffia, pota sapendo che ogni pianta e frutto appartiene solo al Signore.»

VITA ASSOCIATIVA

L’Azione Cattolica della Diocesi di Roma e MLAC Roma collaborano al progetto «Generare futuro – Costruiamo lavoro»: esso propone un itinerario a tema «Giovani e Lavoro», aperto, previa iscrizione, a tutti i giovani dai 18 ai 30 anni. L’idea è quella di promuovere una visione alta del lavoro e di facilitare l’ingresso e la permanenza dei giovani in questo mondo. Il percorso è pensato in dodici appuntamenti, con otto incontri di formazione, tre workshops e una veglia di preghiera.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here